Una morte misteriosa e inaspettata ha sconvolto la comunità di Zoppola, in provincia di Pordenone. Alessandra Francescutti, 45 anni, insegnante presso le scuole elementari di San Vito al Tagliamento, è stata ritrovata priva di vita dal marito, nel tardo pomeriggio di sabato 19 settembre: la donna era riversa a terra, nella sua abitazione, situata nella zona centrale del paese. Vicino al corpo erano presenti diverse tracce ematiche, anche se non è stato possibile chiarire immediatamente le circostanze del decesso. Sono intervenuti sul posto i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile: i militari dell’Arma al momento non escludono nessuna ipotesi sull’accaduto.

Le indagini sul decesso dell’insegnante

Le indagini – in mano ai carabinieri di Fiume Veneto, sotto la guida del comandante Eugenio Mortillaro – si muovono in tutte le direzioni, partendo dai pochi elementi certi, come le scoperta del corpo della vittima, avvenuta verso le 19:30, da parte del marito che era appena rientrato in casa insieme al figlio di sette anni. Subito l’uomo ha chiesto aiuto, ma – come hanno riscontrato i sanitari inviati tempestivamente sul posto dalla Centrale Sores di Palmanova – ormai per l’insegnante non c’era più nulla da fare. La salma della 45enne è stata messa a disposizione delle autorità giudiziarie per un’eventuale autopsia, che potrebbe chiarire le cause del decesso, avvenuto quando la vittima era sola nell’abitazione, situata in un edificio di diversi piani a ridosso della strada.

I primi rilievi hanno permesso agli inquirenti di isolare diverse tracce ematiche, che a prima vista non dovrebbero essere compatibili con un gesto estremo. Ma i carabinieri hanno mantenuto il massimo riserbo su quanto riscontrato dagli esperti e dal medico legale. A tarda sera il marito della 45enne è stato accompagnato in caserma per essere sentito sulla vicenda, insieme ad altri familiari e conoscenti della donna.

Le prime ipotesi su quanto accaduto all’insegnante

Da quel poco che è trapelato, la tracce di sangue individuate porterebbero gli inquirenti a scartare l’ipotesi di una morte violenta per mano di terzi. Secondo la ricostruzione che al momento risulta più plausibile, l’insegnante potrebbe essere rimasta vittima di un incidente domestico o di un malore: la 45enne potrebbe essere caduta accidentalmente, rimanendo gravemente ferita, oppure potrebbe essersi sentita male e solo dopo, di conseguenza, essere crollata a terra quando era a casa da sola, senza nessuno che la potesse aiutare.

Un’insegnante molto stimata in paese

In poche ore la notizia dell’improvvisa scomparsa dell’insegnante si è diffusa a Zoppola ed è giunta anche nella vicina Casarsa della Delizia, paese in cui la famiglia della donna è molto nota e dove la stessa 45enne era nata e cresciuta. Di fronte alla casa in cui è avvenuta la tragedia, posta sotto sequestro dai carabinieri per effettuare i rilievi, si sono radunate diverse persone, tra cui il sindaco di Zoppola, Francesca Papais. Alessandra era molto stimata come maestra: da appena 48 ore aveva ottenuto una cattedra a San Vito al Tagliamento, presso le scuole elementari. Aveva studiato alle magistrali di Sacile, prima di intraprendere la carriera di insegnante.

La notizia della scomparsa ha lasciato sgomenti i genitori della donna, Anellina, poetessa molto apprezzata per le sue opere in lingua friulana, e Giovanni, vicepresidente della sezione provinciale degli alpini. Sconvolta dall’accaduto anche la sorella della vittima, Elena, dipendente presso l’ufficio cultura del Comune di Pordenone.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!