Nella notte del 13, è stato firmato il dpcm di ottobre contenente le nuove misure di contenimento in merito alla diffusione del Cronavirus. Il nuovo decreto, firmato dal presidente Conte e dal ministro Roberto Speranza, avrà una durata di trenta giorni. Le nuove restrizioni riguardano tra le altre cose anche le feste private: l'invito è quello di indossare sempre la mascherina anche in casa qualora si attendano ospiti che non risiedono nell'abitazione.

Le novità del nuovo dpcm

Nella notte è stato dunque firmato il dpcm contenente le nuove misure anti Covid-19. Tra i grandi promotori il Ministro Roberto Speranza e il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte: il documento - siglato solo dopo un lungo confronto tra il Governo e le varie Regioni italiane - avrà una durata di 30 giorni esaurendo dunque i propri effetti al 13 novembre prossimo.

D'ora in poi non sarà più consentito festeggiare né nei luoghi chiusi né all'aperto. Nel testo del nuovo dpcm è contenuto anche un chiaro invito agli italiani a non ricevere in casa più di sei persone e ad utilizzare la mascherina qualora si decidesse di ricevere degli individui non conviventi. La stretta riguarda anche le cerimonie, non potranno di fatto parteciparvi più di 30 persone. La stessa regola sarà valida anche per i riti funebri. Per quanto riguarda i bar e i ristoranti, l'obbligo di chiusura è fissato per le 24, dopo tale orario non sarà più consentito consumare neanche all'esterno dei locali. Sono sospese anche le gite scolastiche mentre il periodo di quarantena dovrà essere di 10 giorni e non più 14.

Basterà poi un solo tampone negativo per poter uscire dal regime di isolamento.

Restrizioni per bar e ristoranti

Per quanto riguarda le nuove restrizioni per bar e ristoranti, dalle ore 21 sarà vietato il consumo al banco, in piedi. Sarà consentito consumare solo stando seduti sia all'aperto che al chiuso.

Persiste anche il divieto di sostare davanti ai locali dopo le ore 21.

Le sale da ballo e le discoteche rimarranno ancora chiuse, mentre le fiere e i congressi saranno aperti al pubblico con le norme vigenti finora.

Imposti divieti anche per lo sport

Nuovi divieti sono arrivati anche per lo sport. Sono state vietate infatti tutte le attività sportive a livello amatoriale.

Si tratta di attività di contatto come il calcetto o il basket tra amici. Sono vietate anche tutte le gare sportive organizzate a livello amatoriale mentre restano consentite quelle organizzate da società professionali riconosciute dal Coni e dal Cip.

Persiste infine l'obbligo di indossare la mascherina sempre, sia nei luoghi chiusi che in quelli all'aperto.

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!