"EUNOMIA punta a dare alle persone le competenze per valutare l'attendibilità dei contenuti, anche quando provengono da persone di cui si fidano. Quando si inizia a mettere in dubbio l'attendibilità, allora si fa un passo avanti nella ricerca della verità", dice Pinelopi Troullinou, analista della Trilateral Research.

In un'intervista con BlastingTalks, Troullinou spiega come il progetto EUNOMIA stia incoraggiando gli utenti dei social media a identificare i rischi a cui sono esposti e a riconoscere il potere che hanno sulla loro vita, ma anche su quella degli altri, attraverso l'uso dei social media. Con i suoi strumenti, EUNOMIA mette gli utenti dei social media al centro del suo progetto, per sensibilizzarli sul nostro consumo quotidiano di notizie con "la speranza di creare un mondo digitale migliore".

EUNOMIA è attualmente finanziata dall'Unione Europea attraverso il programma di ricerca Horizon 2020 dell'UE.

Lei è un analista di ricerca presso la Trilateral Research. La sua attenzione si concentra sull'intersezione tra tecnologia e società, comprese le valutazioni di impatto sociale ed etico delle tecnologie digitali. Può dirci qualcosa di più sul suo ruolo all'interno del progetto Eunomia?

La mia attenzione come scienziato sociale si concentra sull'intersezione tra società e tecnologia. Il mio lavoro principale attualmente riguarda le valutazioni d'impatto etico, legale e quelle sulla privacy.

Voglio sostenere le persone nella consapevolezza dei rischi della tecnologia, sia gli utenti che i tecnici. Parlo con le persone che realizzano la tecnologia esplorando i rischi potenziali del loro sviluppo, che puntano alla creazione di una tecnologia più efficiente ed efficace per il bene pubblico - minimizzando i rischi etici.

In EUNOMIA esploriamo anche gli aspetti umani e sociali nella diffusione della disinformazione su come le persone percepiscono le notizie, o qualsiasi contenuto online, e come ne valutano l'attendibilità.

L'utente è sempre al centro del progetto EUNOMIA e della sua evoluzione.

Il progetto di EUNOMIA è quello di coinvolgere gli utenti dei social media nell'uso delle piattaforme. Può dirci qualcosa di più su come funziona?

EUNOMIA pone l'utente al centro degli sforzi per fermare la disinformazione, poiché il ruolo di EUNOMIA non è quello di rilevare la disinformazione, ma di dare all'utente gli strumenti per valutare se un'informazione è affidabile o meno.

Ci interessa sapere come gli utenti dei social media possano dire la loro sul modo in cui gli strumenti di EUNOMIA sono modellati e progettati. Perciò abbiamo iniziato molto presto a organizzare workshop e interviste con loro. Hanno già provato i prototipi degli strumenti di EUNOMIA.

EUNOMIA ha tenuto un workshop sulla valutazione dell'impatto sulla privacy e sul coinvolgimento degli utenti nel febbraio 2020. Quali sono stati i feedback degli utenti che avete ricevuto riguardo alle esigenze e le preoccupazioni per sviluppare EUNOMIA?

Il feedback principale che abbiamo ricevuto riguardava il fatto che tutti gli utenti del workshop hanno trovato la soluzione EUNOMIA un'ottima idea. Ci hanno aiutato a sviluppare i nostri prototipi perché, quando si coinvolgono gli utenti nelle primissime fasi di un progetto, danno un indirizzo sui modi in cui gli strumenti dovrebbero apparire per sviluppare e produrre una soluzione che sia di facile utilizzo.

La disinformazione è un fenomeno complesso che stiamo cercando di affrontare. È una sfida a trovare una soluzione facilmente trasformabile in abitudine per gli utenti quando si trovano nel mondo online.

Un altro punto che è stato sollevato è che volevano conoscere le motivazioni dietro l'utilizzo di questi strumenti. Non è che essere informati ed essere in grado di valutare i contenuti online non sia sufficiente per loro, ma per iniziare a utilizzare questi strumenti, avevano bisogno di alcuni elementi di gamification. Hanno suggerito nuove funzionalità e nuovi indicatori.

Inoltre, al momento di votare l'affidabilità di un'informazione, si sono preoccupati di sapere se gli utenti potessero abusare degli strumenti di EUNOMIA per diffondere notizie false.

Tuttavia, EUNOMIA offre più di una funzione di voto.

Vogliamo spostare questa cultura del "mi piace" verso la "fiducia", proprio perché la fiducia è un concetto "più pesante" e forse farà pensare di più. Non è più una questione di se "mi piace qualcosa", ma se "mi fido". Mi piace molto il fatto che abbiano preteso di rispettare la privacy. Questo potrebbe significare che gli utenti siano più consapevoli nel loro ambiente online. EUNOMIA pone una forte attenzione alla privacy ed è per questo che stiamo conducendo valutazioni d'impatto sulla privacy durante tutto il progetto per assicurarci che i nostri strumenti siano conformi ad essa.

Durante l'isolamento, le persone hanno condiviso le informazioni tra loro attraverso i social media. Come spiegano Kang e Sunder, quando si apprendono informazioni, la nostra fonte più vicina è spesso uno dei nostri amici, persone di cui ci fidiamo facilmente.

Come possiamo rompere la nostra bolla dei filtri e individuare il nostro "effetto verità illusoria"?

È vero che tendiamo a fidarci delle persone che ci sono più vicine come la nostra famiglia e gli amici. Ma questo non significa che abbiano le conoscenze per fornire informazioni corrette, quando parlano di argomenti come il Coronavirus, ad esempio. Per questo EUNOMIA fornisce alcune linee guida per avere ogni giorno una "routine di igiene dell'informazione", per non essere "infettati" dalla disinformazione. Gli strumenti di EUNOMIA invitano quindi gli utenti a riflettere prima di condividere qualcosa, o prima di fidarsi di qualcosa.

Sicuramente, riguardo all'"effetto verità illusoria", tendiamo a fidarci e a credere alle informazioni a cui siamo stati esposti in precedenza.

Questo significa che se si ha un'informazione sbagliata che si ripete, o se la si vede molte volte, ci si crede sempre di più. EUNOMIA mira ad affrontare questo fenomeno consentendo alle persone non solo di pensare alla propria infezione da disinformazione, ma anche di non influenzare gli altri, non trasmettendo informazioni errate. Se smettiamo di diffondere la disinformazione, “l'effetto verità illusoria" potrebbe essere risolto in quanto la disinformazione non "viaggerà" sui social media e gli utenti non vedranno più questa informazione. Una linea guida, per esempio, è semplicemente: "In caso di dubbio, non condividere".

I social media come Twitter mostrano che alcuni utenti seguiranno i loro stessi criteri di affidabilità. Questo fenomeno è apparso dopo le elezioni presidenziali negli Stati Uniti.

Per combatterlo, piattaforme sociali come Twitter hanno iniziato a inserire avvisi come quelli ai post di Donald Trump che avvertono della presenza di contenuti potenzialmente falsi. Pensa che questo sia efficace?

Queste spinte che sono state introdotte in numero sempre maggiore dai social media possono avere un impatto positivo. Ma naturalmente ci sono sempre dei limiti, perché se si esagera con una spinta la gente potrebbe ignorarli. È un po' complicato perché abbiamo visto che molte persone non si fidano delle strutture dei social. Hanno resistito al fatto che un intermediario dirà loro cosa sia vero o no. Quindi credo che la ricerca mostrerà col tempo quale sia l'approccio più efficace.

Gli strumenti di EUNOMIA possono essere visti come una sorta di spintone quando vi invitiamo a "fidarvi" e non al "like", o quando forniamo alcune Linee guida o best practice su come agire online per non diffondere informazioni errate e per proteggersi da queste informazioni.

Siamo nel processo di sviluppo e alcuni dei partecipanti e dei potenziali utenti hanno chiesto questo tipo di spinte. Quindi li testeremo di nuovo, prima di introdurli, per essere sicuri che vadano a beneficio dell'utente e che siano efficaci nel valutare l'attendibilità delle informazioni online.

In che modo EUNOMIA vuole "appiattire la curva dell’infodemia"?

Durante la pandemia, abbiamo osservato una verità parziale che si è diffusa nei media sul Coronavirus, non solo su come è stato prodotto, ma anche sulle cure e i trattamenti, le origini o le ragioni che lo hanno determinato. Queste informazioni sono state diffuse sulle piattaforme dei social network molto velocemente. In molti casi, ha portato a pericoli, e a volte, anche ad azioni fatali come il consumo di candeggina.

In questo senso, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha sottolineato la necessità di affrontare l'infodemia. È qui che ci siamo ispirati a produrre le linee guida per l'igiene dell'informazione. All'inizio della pandemia, ci sono state date istruzioni molto chiare su come proteggerci dalla COVID. Così, per esempio, abbiamo avuto: "Indossa la maschera" o "lavati le mani per almeno 20 secondi". Si trattava di linee guida molto specifiche per evitare di contagiare altre persone. EUNOMIA, che è decollata prima della pandemia, è in linea con il dare gli strumenti e le conoscenze alle persone per appiattire questa curva dell'infodemia e fermare la diffusione della disinformazione. Noi non facciamo il lavoro che fanno i fact checker, che è molto legittimo e molto importante.

EUNOMIA adotta l'approccio di dare le competenze e gli strumenti agli utenti per proteggere se stessi e per proteggere anche la loro rete, fermando e non diffondendo questa disinformazione.

Gli utenti dei social media non sono esperti. Come possono sapere cosa c'è di falso o vero nel virus?

I fact checkers fanno un ottimo lavoro nel valutare cosa è vero e cosa non lo è. Tuttavia, prima che le persone ci arrivino, devono capire quanto sia importante il loro comportamento online per creare l'infodema. Se mi dite qualcosa, e io mi fido di voi, perché dovrei controllare i fatti? Quello che EUNOMIA intende fare è dare alle persone le competenze per valutare l'attendibilità dei contenuti, anche quando provengono da persone di cui si fidano. Quando si inizia a mettere in dubbio l'attendibilità, si fa un passo avanti nella ricerca della verità.

Pensa ci possa essere un prima e un dopo COVID-19 nel mondo digitale come in quello dei social media? È un punto di svolta per il mondo digitale?

È difficile rispondere a questa domanda, perché solo il tempo può dirlo. Penso che possiamo vedere dei cambiamenti, ma è un processo più lungo. Penso che più analizziamo l'impatto del nostro comportamento e del nostro consumo di notizie nel mondo online, più ci rendiamo conto di come questo influisca sulla nostra vita offline. Poi cercheremo di acquisire più competenze e di diventare più alfabetizzati nel mondo online. Vediamo tecnici, scienziati sociali, politici, giornalisti, tutti riuniti per cercare di sviluppare le conoscenze per affrontare questi temi complessi come la disinformazione. Penso anche che il pubblico stia diventando più consapevole e che si tratti di un rapporto reciproco.

I ricercatori si stanno impegnando nella creazione di strumenti per assistere all'alfabetizzazione mediatica digitale, e gli utenti ci stanno parlando dell'approccio che vorrebbero vedere. Grazie a questo, siamo tutti coinvolti e stiamo imparando meglio. Speriamo di creare un mondo digitale migliore.

Qual è la vostra visione dei media nei prossimi dieci anni?

C'è un crescente interesse per i social media decentralizzati, come Mastodon, dove attualmente opera EUNOMIA, e questo significa che sempre più persone sono pronte a prendere il controllo. Prendono in mano la loro privacy, i loro dati e le loro informazioni per avere più potere. Se seguiremo questo approccio più ottimistico, in cui le giovani generazioni e anche le persone che sono fortemente coinvolte nei social media diventano più consapevoli dei pericoli, ma anche del potere che i social media hanno sulla nostra vita, le persone saranno più attivamente coinvolte nella creazione di una nuova era dei social media.

Ecco perché penso che i social media decentralizzati stiano prendendo gradualmente piede. Personalmente vorrei che gli utenti dei social media avessero più potere e acquisissero una maggiore alfabetizzazione digitale.

Segui la pagina Blasting Talks
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!