In West Virginia una mamma di appena 25 anni si è tolta la vita dopo avere ucciso i propri figli. Stando alla ricostruzione dei fatti, la donna avrebbe utilizzato un fucile non automatico per uccidere i cinque bambini, tre dei quali erano suoi figli biologici, lasciando una lettera al marito in cui si scusava per non essere stata abbastanza forte e per avere commesso un crimine simile. Si tratterebbe di un gesto figlio della depressione di cui soffriva la ragazza, acuito dalla mancanza del marito che, secondo quanto rinvenuto dalle indagini, in quel periodo dormiva a casa dei propri genitori per motivi logistici per raggiungere il posto di lavoro.

Inizialmente si pensava si trattasse di un incendio accidentale, ma la verità ha lasciato il vicinato senza parole.

Mamma 25enne uccide i figli e si toglie la vita

La donna si chiamava Oreanna Myers. Il suo gesto ha portato alla morte cinque bambini di età compresa tra uno e sette anni e che ha scosso l'intero paese americano. I figli biologici della donna erano tre e avevano rispettivamente uno, tre e quattro anni, mentre gli altri due bambini, di sei e sette anni, non erano direttamente suoi ma vivevano all'interno della stessa famiglia.

La richiesta di soccorso è stata lanciata da alcuni vicini che avevano visto le fiamme pervadere l'intera abitazione dove viveva la famiglia, ma la scena che si è presentata agli occhi dei vigili del fuoco era ben lontana dal semplice incendio accidentale.

All'interno dell'abitazione giacevano i corpi dei cinque bambini senza vita, ognuno di loro con un foro di proiettile in testa, mentre all'esterno della casa è stato rinvenuto il corpo della mamma con accanto l'arma del delitto e un biglietto indirizzato al marito: 'Mi dispiace per il mio malvagio crimine'. Un messaggio con il quale, probabilmente, la donna ammetteva anche di non essere stata abbastanza forte per affrontare i propri demoni.

I messaggi della donna

Nel telefono della donna sono state ritrovate le numerose conversazioni avute con il marito Brian Bumgarner. Tra i vari messaggi, secondo le dichiarazioni degli inquirenti, la donna accusava il marito per la sua assenza e per avere preferito essere più vicino al proprio lavoro che alla propria donna che soffriva di depressione.

'I soldi vanno e vengono', scriveva in uno dei messaggi, 'una volta che me ne sarò andata io non c'è modo di sostituirmi'. Con queste parole, Oreanna Myers si rivolgeva al marito. L'uomo è riuscito a trovare la forza per ricordare in maniera pubblica i sogni dei propri figli e ha cercato di sensibilizzare i familiari di coloro che soffrono di depressione a essere più presenti per porgere loro una mano nel momento del bisogno.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!