Si sa che la notorietà e la fama sono in grado di regalare anche l'immortalità. Ciò vale per molti artisti che hanno continuato a vendere numerose copie di album, piuttosto che di libri o film, anni o decenni dopo la loro morte. Questo perchè l'arte e la creatività sono doni capaci di rendere un uomo eterno. E ciò vale a maggior ragione per chi eterno lo era già in vita, ovvero per un'artista del calibro di Michael Jackson, mito e leggenda da sempre, la cui scomparsa prematura avvenuta nel 2009, non poteva, ovviamente, che aumentare l'aura mitica e per certi versi sacrale che ha sempre accompagnato il cantante americano.

Ed è di queste ore la notizia, riportata in Italia dall'edizione on-line de "La Repubblica", che l'album postumo di Michael Jackson, dal titolo "Xcape", titolo evocativo, uscito il 12 maggio nel Regno Unito e il giorno successivo negli Stati Uniti, sarebbe già in testa alle classifiche di vendita di ben 50 paesi del mondo.

A testimoniare ancora una volta la notorietà e l'amore globale che ha sempre circondato Michael Jackson, tra i suoi fan ma anche tra tutti gli appassionati di buona musica.

Il disco si compone di otto brani, ovviamente tutti inediti, scelti dal produttore esecutivo L.A. Reid, che ha selezionato le canzoni tra i pezzi registrati da Jackson prima della sua morte tragica e improvvisa. Il rapper Timbaland, coinvolto anche lui nei lavori di selezione e produzione del disco postumo del "King of Pop", ha dichiarato che è stato questo un lavoro molto impegnativo e faticoso, in particolare per il peso del personaggio con il quale si stava entrando in contatto. Il primo singolo uscito dal nuovo album di Michael Jackson si intitola "Love never felt so good", di cui esiste anche una versione cantata in duetto con l'ex Nsync, Justin Timberlake, il quale, fatte le dovute proporzioni, è un pò considerato come l'erede dell'unico e immortale Re del Pop.

I migliori video del giorno