L'attore americano Eli Wallach è morto a New York il 24 giugno all'età di 98 anni. Cinema, televisione e teatro, fin da giovane aveva calcato tantissimi palcoscenici, data la sua lunga carriera nel mondo dello spettacolo. Il suo grande amore rimaneva però il teatro, che nel 1951 lo aveva visto protagonista de La rosa tatuata di Tennessee Williams e per il quale aveva guadagnato un Tony Award. Sempre tratto da un pezzo teatrale di Williams era Baby Doll, che segnò il debutto di Wallach al cinema.

Una particolarità ha segnato le sue interpretazioni: quasi sempre ha vestito i panni del cattivo. Vediamo tre film in cui recita questo ruolo:

  • I magnifici sette: Eli Wallach in questo film del 1960 di John Sturges interpreta Calvera, un bandito che con la sua banda compie scorrerie in un villaggio messicano, i cui abitanti chiedono aiuto al pistolero texano Chris e ad altri sei compagni per combattere il nemico
  • Il Buono, il Brutto e il Cattivo: nel film del 1967 di Sergio Leone è Tuco, il Brutto, che durante la Guerra di Secessione si mette in società, anche se un po' controvoglia, con Sentenza e il Biondo per scovare un tesoro nascosto in una tomba. È grazie a questa pellicola che l'attore americano conquista la fama internazionale
  • Il Padrino III: Francis Ford Coppola, nella terza parte della saga sulla mafia italo-americana, affida a Eli Wallach la parte di Don Altobello, consigliere della famiglia Tattaglia, una delle rivali della famiglia Corleone.

Mai nominato per un Oscar, solo nel 2010 ricevette l'ambita statuetta per l'Oscar alla carriera e, durante il suo discorso, disse: "Il vostro riconoscimento del mio lavoro da artista rende chiara una cosa per me: io non recito per vivere, io vivo per recitare".