Dopo una breve malattia si è spenta a Roma Laura Troschel. Nata a Varese 1944, la Troschel avrebbe compiuto 72 anni il prossimo 4 novembre. È stata legata sentimentalmente al conduttore e attore Pippo Franco. Presso il Policlinico Gemelli di Roma, dove giovedì si è spenta l'attrice, ci sarà la camera ardente l'1 ottobre dalle ore 8 alle ore 11, mentre i funerali sono previsti nella stessa giornata alle ore 12 presso la Basilica di San Lorenzo fuori le mura.

La carriera della Troschel nel mondo del cinema inizia giovanissima, quando nel 1966 recita in "A mosca cieca" di Romano Scavolini. Gli anni successivi sono segnati dalla collaborazione con Pier Francesco Pingitore, per cui recita in molti film, tra cui "L'imbranato", "Nerone" e "Tutti a squola".

Dopo parecchi anni di assenza dal grande schermo, torna a fare Cinema nel 2005 in "Raul - Diritto di uccidere" e successivamente nel 2010 nella pellicola "Il sottile fascino del peccato".

Nel mondo della televisione collabora con Franco in trasmissioni come "C'era una volta Roma" nel 1979 e "Scacco Matto abbinato alla Lotteria Italia" nell'autunno 1980. La sua rinomata bellezza e il suo fisico da top model la portano nel 1981 a posare nuda per la rivista erotica Playmen. A cavallo del nuovo secolo ottiene una parte nel film "Villa Ada", per poi recitare nella serie tv trasmessa da Canale 5 "Il bello delle donne" e nella soap di Rai 3 "Un posto al sole". Oltre al cinema e alla televisione Laura Troschel ha anche inciso tre album musicali. I primi due, "Il Bello e la Bestia" e "C'era una volta a Roma", in collaborazione con l'allora marito Pippo Franco prodotto da Cinevox, mentre il terzo, pubblicato da solista e prodotto da Yep, porta il suo nome. La Troschel, inoltre, era una grande appassionata di teatro e questo la condusse a recitare ne "La bottega del caffè" di Carlo Goldoni insieme ad Arnoldo Foà, "Last Minute" con Sandra Milo e "Incanto di Natale" di Paola Nicoletti.

I migliori video del giorno

A febbraio del 2017 avrebbe dovuto recitare in "Suocera Contro", scritto dalla stessa Nicoletti.