Dal prossimo 3 dicembre il sito archeologico di pompeiaprirà un itinerario esclusivo dedicato ai visitatori con problemi motori: un percorso di oltre 3 chilometri che delineerà i luoghipiù importanti dell'antica città romana.Il costo del progetto è di tre milioni di euro e prevede una pavimentazione ad hoc, non invasiva con la struttura preesistente e che consente a bambini, anziani e visitatori in carrozzina, di muoversi senza problemi all'interno dell'area archeologica più famosa al mondo.Si tratta di particolaristrutture di sostegno che consentono al visitatore di girare in sicurezza tra i dislivelli di alcune stradecome in via dell'Abbondanza,per ammirare gli affreschi, i mosaici e le domus romane.

Origine delle strade di Pompei

La rete stradale rappresenta l'origine e lo sviluppo di una città e, fino ad oggi, Pompei ha conservato reperti che risalgono apiù di 2000 anni fa. Il primo nucleo cittadino si sviluppò intorno al Foro e le strade, all'epoca, non erano geometricamente allineate, ma solo in un secondo momento la rete cittadina venne regolarizzata con assi viari principali, i decumani,che si incrociavano con le strade minori, i cardini, che a loro volta originavano isolati, le insulae doveoggi è possibile visitare alcune abitazioni e strutture pubbliche più importanti.

Le strade di Pompei sono formate da grossi blocchi poligonali di basalto delineate da lunghi marciapiedi più alti rispetto al livello delle viee, da una a quattro a seconda della larghezza e in corrispondenza di case e negozi, alcune grandipietre di basalto ovoidale collegavano i due marciapiedi per consentire l'attraversamento pedonale in caso di pioggia o presenza di acque di scolo lungo la carreggiata.Una struttura viaria che, come da foto, si è conservata intatta fino ai giorni nostri.

Le strade di Pompei erano sempre affollate, in particolare nei pressi degli esercizi pubblici e spesso questi erano soliti esporre le proprie merci lungo i marciapiedi doveancora oggi sono visibilidei fori che un tempo venivano usati per fissare le tende proprio dei negozi o, probabilmente, per legare gli animali da trasporto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto