Il 25 novembre 2016 uscirà 'Hellvisback Platinum Edition' la riedizione di Hellvisback, ultimo lavoro di salmo, pubblicato a febbraio scorso, capace di guadagnarsi il disco di platino in tempi record. In una recente intervista incentrata su questa riedizione celebrativa dell'album, il rapper simbolo del Machete Crew è tornato a parlare della polemica con Sfera Ebbasta che a inizio settembre aveva fatto discutere la comunità hip hop italiana.

La polemica con Sfera Ebbasta

L'estate scorsa si era creato un enorme clamore mediatico dopo che Sfera Ebbasta, all'epoca in fase promozionale per l'uscita del suo primo album ufficiale, aveva rilasciato una lunga intervista a Rolling Stone, nella quale aveva fatto una serie di dichiarazioni molto pesanti nei confronti di Salmo, colpevole, a suo modo di vedere, di averlo preso in giro con il video di 'Mr Thunder', clip nella quale è presente una parodia del tipico 'trapper' che Sfera Ebbasta incarna in tutto e per tutto.

Il rapper di Cinisello aveva rivolto al collega sardo insulti inequivocabili, circostanziati, diretti e molto pesanti per il quale era stato aspramente criticato da buona parte del pubblico che abitualmente segue il rap italiano. A risolvere la questione, paradossalmente, ci aveva pensato proprio Salmo, addossando la totalità della colpa dell'accaduto al giornalista di Rolling Stone che aveva realizzato l'intervista.

Le parole di Salmo

Nelle ultime ore il rapper sardo – che quest'anno si è portato a casa ben due dischi di platino – è tornato ad esprimersi su questa vecchia polemica, rispondendo ad una domanda durante un'intervista realizzata per Rockol.it. Salmo ha spiegato di aver risolto la questione parlando direttamente con Sfera Ebbasta, puntualizzando ancora una volta che il video di 'Mr Thunder' non voleva essere in alcuna maniera offensivo, ma più semplicemente un modo per far capire quali sarebbero stati i trend dei mesi successivi.

I migliori video del giorno

Il rapper di Olbia ha poi aggiunto qualche dettaglio sulla conversazione avuta con il giovane collega per chiarire la situazione, specificando di aver dato a quest'ultimo qualche consiglio e di essersi posto 'come un fratello più grande fa con il più piccolo'