Qui ha abitato Lucio Dalla

Sarà più o meno questo il testo che presto, chi passerà a Trastevere in vicolo del Buco al n.60, potrà leggere. E' quanto il cantautore romano Antonello Venditti ha chiesto al comune di Roma, lanciando un appello in tal senso dalla trasmissione, "Edicola Fiore" condotta da Fiorello. E l'appello è stato raccolto dall'assessore alla cultura del comune di Roma, Luca Bergomi che all' Ansa ha dichiarato :" Accolgo volentieri l'appello di Venditti. Il suo desiderio - si legge nella nota ansa - credo sia condiviso da tanti che hanno sognato e vissuto emozioni profonde grazie alle canzoni di Lucio Dalla. Lavoreremo, con i dovuti passaggi amministrativi, perché possa essere realizzato."

Lucio Dalla ha dedicato a Roma una delle sue canzoni più belle.

"la sera dei miracoli" secondo quanto raccontato dal cantautore romano a Fiorello: E pare sia stato lo stesso Dalla a convincere Venditti a tornare a Roma dopo un periodo di crisi che lo aveva spinto a trasferirsi a Milano. I due infatti hanno abitato vicini durante la permanenza di Dalla nella città eterna.

Dalla, nato a Bologna il 4 marzo 1943, come recita la sua famosa canzone Piazza Grande, ha attraversato in 50 anni di carriera la storia della musica italiana seminando il percorso con brani indimenticabili. Musicista di formazione Jazz, inizialmente solo come autore di musiche, si è aperto nella maturità, anche alla composizione dei testi. Celebre la sua collaborazione quando, poco più che adolescente, ma già virtuoso suonatore di clarinetto, duettò con Jeff Baker, ll trombettista americano.

I migliori video del giorno

Ma per rimanere in tema romano come non ricordare la collaborazione con Francesco De Gregori da cui scaturì, nel 1978, Banana Repubblic album e tour; collaborazione ripresa nel 2001; oppure l'incursione nella lirica con la sua "Amore Disperato" dalla Tosca di Giacomo Puccini, rappresentata A Roma in Anteprima a Castel Sant'Angelo nel corso della notte bianca del 27 settembre; o come non ricordare, per finire, l'omaggio a Pier Paolo Pasolini, nella canzone " A Pa" cantata con De Gregori?