Gli studenti italiani dei licei scientifici potrebbero, quest'anno, trovare una bella sorpresa. E' probabile infatti che la Fisica prenderà il posto della Matematica in occasione della seconda prova scritta. Nulla è certo ma, secondo alcuni rumors, potrebbe esserci la novità. A differenza degli studenti che frequentano altri licei, come quelli del classico e del linguistico, che vedono da anni avvicendarsi le stesse materie, quelli dello scientifico potrebbero trovarsi davanti a un compito di Fisica. Intanto, tra qualche settimana, il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli renderà note le materie oggetto della seconda prova scritta.

Riforma Gelmini mai attuata

Mentre gli studenti del liceo classico sanno bene che dovranno confrontarsi con una versione di greco o latino, quelli dello scientifico sono in bilico: ci sarà un compito di Matematica o di Fisica? A dire il vero, la riforma Gelmini contempla l'avvicendamento tra Matematica e Fisica al liceo scientifico ma nessuno l'ha voluta attuare a causa dell'insoddisfazione dei docenti [VIDEO]e dei discenti.

La riforma Gelmini prevede l'alternanza delle materie cosiddette 'caratterizzanti' per non avere dubbi, ogni anno, sulla disciplina oggetto della seconda prova scritta. L'attuazione della suddetta riforma sarebbe dovuta avvenire la scorsa estate ma, vista la grande insoddisfazione dei ragazzi e dei docenti, il ministro Giannini ha deciso di temporeggiare.

Professori di Fisica contestano la novità

I professori di Fisica [VIDEO] dello scientifico contestano la riforma perché raramente riescono a terminare il programma. Secondo le prime indiscrezioni, il compito di Fisica dovrebbe essere analogo a quello di Matematica: forse ci saranno meno domande. Tutti attendono la decisione della Fedeli: la riforma verrà attuata quest'anno o si rinvierà ancora una volta?

Il dibattito sulla seconda prova scritta al liceo scientifico è ancora aperto.

Sarà la nuova inquilina del Ministero dell'Istruzione a porre fine alla questione. C'è chi è contrario all'introduzione dell'alternanza delle discipline allo Scientifico. Michelangelo Di Stasio, segretario nazionale della Mathesis, reputa l'antagonismo tra Fisica e Matematica 'fastidioso' e 'inconsistente'.