Il Festival Verdi si e' aperto Venerdì 28 settembre con la rappresentazione del Jerusalem al Teatro Regio di Parma e si concluderà il 21 di Ottobre.

Dopo il buon risultato raggiunto lo scorso anno,anche quest'anno sono stati organizzati molti eventi collegati al Festival, riuniti sotto la sigla “Verdi OFF”. Si tratta di proposte che portano il Festival Verdi fuori dal Teatro Regio, in citta' ed in provincia, alla scoperta di collegamenti e tracce della musica tra i luoghi e tra le generazioni.

Domenica 1 ottobre sono previsti tre appuntamenti:

  • A Parma, al Quartiere Lubiana-San Lazzaro, dalle ore 16.00 suonerà la Folk Band “Tullio Candian” di Montechiarugolo, diretta dal maestro Valentino Spaggiari .

  • A Fidenza, nel centro storico vi sarà, sempre con inizio alle ore 16.00, una rappresentazione dell'Opera Guitta.

  • A Mamiano di Traversetolo, all'interno del parco della Fondazione Magnani Rocca, allo stesso orario suonerà il Verdi Jazz Trio.

Gli eventi

La Montechiarugolo Folk Band e' una delle nove compagini bandistiche che partecipano al Verdi OFF.

La banda ha già 60 anni di storia ed e' oggi composta da piu' di 30 elementi a fiato (trombe, tromboni, sax, flicorni). Al tempo segnato da rullante e batterie, la banda propone nel suo programma, oltre al tradizionale repertorio folkloristico, brani da concerto, patriottici, religiosi e, naturalmente, marcette.

L'Opera Guitta racconta di tre personaggi (Aldina, Urbano e Caterina interpretati da Nicanor Cancellieri, Irene Geninatti Chiolero e Franca Pampaloni,) che vivono, e cercano di sopravvivere, con la musica, il canto e la giocoleria. Scritta e diretta da Antonio Vergamini, l'Opera Guitta e' uno spettacolo che dal 2016 viene portato in tournée in Italia, Svizzera a Francia. Nel corso del Verdi OFF ne sono previste varie repliche.

Il Verdi Jazz Trio propone l'arrangiamento jazz di arie verdiane.

I migliori video del giorno

Tre maestri dei Solisti dell’Opera Italiana (Fabio Aggiudicala, Stefano Caniato ed Enrico Lazzarini) suoneranno rispettivamente tromba, pianoforte e contrabbasso. La contaminazione tra Verdi e jazz e' praticata da qualche anno ed e' stata ben accolta dal pubblico. L'evento fa' parte di una serie di tentativi presenti all'interno del programma di mettere a confronto Verdi e la musica contemporanea. La festa che concludera' il ciclo di eventi il 22 Ottobre ne e' l'esempio piu' evidente: la Traviata Hip Hop.