In una recente intervista con la radio neozelandese Bayrock FM, Slash, storico chitarrista dei Guns N'Roses, ha voluto dare i suoi consigli ai giovani artisti che vogliono avere un futuro nel mondo della musica. Un'intervista sincera, nella quale il chitarrista non ha nascosto le difficoltà insite nel mercato musicale odierno.

L'intervista

Lo speaker chiede a Slash quali consigli si sentirebbe di dare ai nuovi musicisti e questi ha risposto: "Mi viene chiesto spesso, e cerco sempre di dare un consiglio molto ottimistico ai giovani".

Pubblicità

L'industria musicale sta diventando sempre più difficile per i giovani: ma a suo avviso bisogna lavorare molto, non trascurare i dettagli, perseverare e insistere molto.

L'importante, secondo il musicista dei Guns N'Roses, è non conformarsi al giudizio altrui: "Non conformarti agli altri, a quello che ti dicono di fare, o a quello che ti dicono di suonare, oppure al modo suonare, o al tipo di musica che bisogna fare(...) Mai scendere a compromessi e dedicarsi alle proprie cose".

L'amore e la passione per la musica sono fondamentali per il mestiere di musicista ed è sempre necessario metterci il cuore e l'anima e comunicare tutte le emozioni che si hanno a più persone possibili.

Il mondo della musica attualmente, secondo Slash, sta vivendo una fase confusa, in cui è importante restare attenti e intelligenti e sapersi adeguare: il chitarrista lo descrive un po' selvaggio come il West. Ma allo stesso tempo presenta dei vantaggi, come le piattaforme che quando Slash ha iniziato non esistevano minimamente e oggi invece consentono di dare buona visibilità ai gruppi: quello che conta alla fine è metterci "passione e impegno".

Il tour solista di Slash

Slash, insieme a Myles Kennedy e ai Conspiratos, ha pubblicato da poco il suo ultimo album solista, dal titolo Living The Dream con l'etichetta Snakepit Records, in collaborazione con la Roadrunner Records.

Pubblicità

Attualmente, dopo la fine del lungo tour mondiale con i Guns N'Roses, iniziato ad aprile 2016 e conclusosi nel novembre 2018 con quasi 150 concerti complessivi, ha concluso la prima parte del tour solista in Europa ed è in pausa prima di ricominciare.

A maggio tornerà in concerto in Messico e suonerà in Sud America fino al mese di giugno: dopodiché è previsto il ritorno in Europa con concerti in Germania, Olanda, Danimarca, Francia, Belgio. E non mancherà anche l'Italia: il chitarrista suonerà nel nostro paese in due date, il 30 giugno a Servignano (Fermo) e il 6 luglio al festival Rock the Castle di Verona.