Freddie Mercury e i suoi lati più nascosti. Il documentario Freddie Mercury: Inside his mind, in onda il 16 maggio sul canale Usa Reelz, cerca di ricostruire la psicologia di uno dei cantanti più famosi di sempre. Il frontman dei Queen ha incantato il mondo con la sua voce con moltissime hit, ma ciò che gli autori cercano è un'altra cosa: ricostruire la personalità dell'artista grazie ai ricordi dei suoi conoscenti e alle sue stesse parole. Non solo Concerti e Music Festival dunque, ma anche la vita intima e personale di un artista insuperabile.

La personalità di Freddie Mercury

Non solo brani immortali come Bohemian Rhapsody, Don't Stop Me Now o Somebody to Love. Freddie Mercury è stato uno dei migliori interpreti della storia della musica. E il documentario vuole analizzare i lati più nascosti del suo carattere e della sua personalità.

La personalità dell'artista, frontman unico per la sua voce e la sua presenza scenica, viene scandagliata nel dettaglio. Il suo stile, provocatorio ed edonistico, ha affascinato per decenni la stampa e i fan di tutto il mondo. Una personalità complessa e variegata. Umile ed orgoglioso, esaltato e solitario, teatrale ma timido allo stesso tempo. Un lavoro non facile che vuole far luce sul carattere di una star mondiale.

Il documentario in anteprima

Il documentario sarà trasmesso in anteprima domenica 16 maggio alle 21 sul canale statunitense Reelz, quando in Italia saranno le tre di mattina. Nelle intenzioni degli autori c'è la volontà di investigare quei caratteri più nascosti del cantante che ha fondato nel 1970 i Queen insieme a Brian May e a Roger Taylor.

Una carriera intensissima quella di Mercury, costellata da successi che ancora oggi il pubblico non dimentica. Negli anni recenti, inoltre, il pluripremiato film Bohemian Rhapsody ha rinvigorito il mito della band. E ancora oggi la figura di Mercury resta popolarissima nonostante la sua scomparsa, a seguito dell'Aids, nel novembre del 1991.

I lati nascosti di Freddie Mercury

A dirigere i lavori c'è l'esperto psichiatra britannico Bob Johnson. Negli anni ha studiato la psicologia e ritratto i profili di personaggi illustri. Il prodotto esamina il mondo di Freddie Mercury e le personalità che negli anni ha costruito per gestire le sue vulnerabilità e insicurezze che lo affliggevano e colpivano sin da quando era bambino.

Prodotto da Honey Bee, è stato realizzato anche con l'apporto di persone che hanno vissuto al suo fianco. Sono stati consultati Peter Freestone, suo assistente personale, il suo road manager Peter Hince, oltre ad amici di infanzia e conoscenti del cantante. Anche con l'aiuto di interviste e materiali di repertorio saranno esaminati i tentativi del cantante di creare e mantenere personaggi alternativi.

Ci sarà spazio anche per i lati più proibiti dell'artista, come le droghe, il sesso e gli eccessi vari, aspetti che lo hanno reso noto alle cronache.