Il gatto è sicuramente l’animale più caratteristico, misterioso e imprevedibile con cui abbiamo a che fare tutti i giorni. I numeri parlano chiaro: tramite il Rapporto Italia 2017 Eurispes sappiamo che gli italiani amano ospitare nelle loro case uno o più felini, secondi in ordine di diffusione solo al cane. Ma, mentre quest’ultimo si può definire il miglior amico dell’uomo, del gatto si può dire altrettanto?

I gatti quando hanno fatto la loro comparsa accanto all’uomo?

Probabilmente l’antenato del gatto è da individuare addirittura 50 milioni di anni fa ma è “solo” nell’Antico Egitto che il felino irrompe nella vita dell’uomo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Curiosità

È, dunque, nel III millennio a.C. che l’animale diventa domestico.Se guardiamo il nostro gatto, come si comporta e come si muove, capiamo molto bene perché gli Egiziani lo consideravano incarnazione di divinità.

I grandi sacerdoti cercavano di estrapolare da esso messaggi divini e profezie. Non solo, ma sappiamo che al gatto era inoltre riservata una sepoltura speciale.

Come mai il gatto è così presente nella mitologia?

Il comportamento degli antichi egizi ha fatto sì che il gatto entrasse nella religione e nella mitologia. Infatti, ad esempio, la dea egizia Bastet aveva sembianze feline, perciò adorare e venerare la dea nel tempio a lei dedicato significava adorare e venerare di conseguenza anche l’animale. Le sue qualità in poco tempo si diffusero anche in altre regioni del mondo grazie ai traffici commerciali. Il gatto è carino, si può addomesticare, è pulito, è agile nel cacciare piccole prede. Proprio per questo, i Greci lo presero con loro nelle navi. Erano convinti che il piccolo cacciatore potesse tenere libera la nave dai topi, meglio di come facevano donnole e puzzole, usate fino a quel momento.

I migliori video del giorno

Entrò perciò anche nella mitologia, nell’arte e nella letteratura. Sofocle si chiedeva se il gatto potesse crescere sino a diventare un leopardo e lo stesso Esopo lo inserì nelle sue favole, anche se lo descriveva con caratteristiche negative. In questo modo i Greci aiutarono a diffondere il carattere e le credenze sui piccoli mici ai Romani e poi in Francia, in Inghilterra, in Giappone e così l’Europa e l’Asia avevano un simbolo positivo da aggiungere alle proprie storie, oltre che un animale utile nelle campagne e di compagnia nelle case.

Perché il gatto è considerato simbolo di stregoneria e di sfortuna?

Così come l’uomo, anche il nostro amico peloso ha dovuto fare i conti con il tanto oscuro e misterioso Medioevo. Continuava ad essere utile per cacciare i topi, portatori di epidemie, ma l’uomo ha iniziato a vederlo come servo e personificazione del diavolo. I gatti neri soprattutto furono incolpati di essere collegati in qualche modo alla stregoneria. Iniziarono delle vere e proprie persecuzioni nei confronti del felino, tanto che l’Inquisizione condannava al rogo i gatti insieme a streghe ed eretici.

Si sono diffuse delle pratiche orribili come bruciarli,squartarli e ucciderli nei modi più violenti che la mente umana fosse in grado di immaginare. A volte questo era anche espressione di disagi sociali, come spiega Robert Darnton in un saggio intitolato “Operai in rivolta: il grande massacro di Rue Saint-Sévérin” contenuto nel libro Il grande massacro dei gatti e altri episodi della storia culturale francese, Milano, Adelphi, 1988. Da tutto ciò, ancora oggi, circolano detti popolari improbabili.

Qual è il suo ruolo oggi?

Bisogna attendere la fine dell’Ottocento per rivedere affetto e considerazione nei riguardi dei gatti. La diffusione della cultura e del benessere portò l’uomo a riprenderli con sé. Durante le guerre del Novecento il gatto era presente accanto all’uomo in trincea e figurava nei volantini e nelle riviste come mascotte dei combattenti. Oggi, ci basta aprire Facebook, Instagram o YouTube per essere invasi da centinaia, migliaia di foto e video di mici divertenti, buffi, singolari, dolci, e anche aggressivi. C’è chi li ha sempre odiati e se ne tiene bene alla larga e chi li ama alla follia.

Voi da che parte state?