7 capolavori 'sconosciuti' di Michael Jackson: c'è anche Scared of the moon

Michael Jackson in studio di registrazione
Michael Jackson in studio di registrazione

Inediti, scartati o semplicemente incompleti, sette brani per ricordare il 're del pop' nell'anniversario della sua scomparsa: c'è pure Speechless

Non perdere le ultime news
Clicca sull’argomento che ti interessa per seguirlo. Ti terremo aggiornato con le news da non perdere.
Clicca e guarda il video
Milano: anziana signora raggirata e truffata da un ragazzo

Musicista, pittore, poeta, nonché grande ballerino, Michael Jackson non avrebbe certo sfigurato in una corte rinascimentale in mezzo a quegli artisti di cui si è sempre dichiarato grande estimatore. Dopotutto l'arte si nutre di arte e costituisce a oggi l'unico mezzo conosciuto per l'immortalità terrena.

Le opere, infatti, continuano a vivere anche quando l'artista muore. Diventano il mezzo per parlare, per raccontare, per indulgere sul personaggio e, a volte, anche su noi stessi. Per questo nell'11° anniversario della sua scomparsa vogliamo ricordare il "re del pop" con alcune sue creazioni. Non le più famose, ma forse proprio per questo le più interessanti per scoprire una delle figure artisticamente e umanamente più affascinanti del panorama musicale mondiale.

1

Scared of the moon

Scritta nei primi anni '80 e pubblicata nel 2004 in The Ultimate Collection, Scared of the Moon è una ballata dai toni estremamente poetici, quasi onirici che racconta la paura del buio di una bambina con conseguenti ripercussioni anche sulla sua vita di adulta. Una tematica delicata resa ancora più intensa dalla timbrica di Jackson che la trasforma in una ninna nanna malinconica e appassionata.

2

Someone in the dark

Registrata nel 1982 per accompagnare il libro E.T. Storybook e ripubblicata nel 2004 in The Ultimate Collection, Someone in the Dark è una delle canzoni più commoventi di Jackson in assoluto. Testo, musica e voce si fondono in una struggente composizione sulla diversità, l'amicizia e la perdita. Una perdita che Jackson fa intendere mai assoluta, seppur dolorosa.

Segui la pagina Curiosità
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!