5 curiosità sulle 'buchette del vino': in Toscana riaprono per il coronavirus

5 curiosità sulle 'buchette del vino': in Toscana riaprono per la Covid-19.
5 curiosità sulle 'buchette del vino': in Toscana riaprono per la Covid-19.

Si trovano in molte città della Toscana: venivano utilizzate per vendere il vino durante la peste

Non perdere le ultime news
Clicca sull’argomento che ti interessa per seguirlo. Ti terremo aggiornato con le news da non perdere.
Clicca e guarda il video
Storie di paralimpismo, l'atleta Pierluigi Maggio: 'La vera forza è nel gruppo'

Nel centro storico di Firenze, come in quello di Pistoia e in molte altre città della Toscana, sulle mura di molti palazzi spuntano alcune particolari aperture di piccole dimensioni, chiamate "buchette del Vino". Queste buche venivano utilizzate per vendere il vino direttamente dalla strada, sin dal 1600. Ad oggi sono ancora esistenti 170 "buchette del vino", di queste 145 sono situate nel centro storico di Firenze. Le buchette sono tornate in auge a causa del coronavirus. Esse furono utilizzate ampiamente, guarda caso, anche nel XVII secolo come prevenzione nei confronti di un'altra epidemia: la peste.

1

Le buchette del vino durante la peste

Le prime "buchette del vino" risalgono al XVII secolo, quando i commercianti di vino decisero di aprire dei buchi nelle pareti dei loro negozi, affinché potessero continuare a vendere il vino ai propri clienti, anche durante la peste.

2

Alcune 'buchette del vino' stanno riaprendo per il Covid-19

Un'associazione toscana ha fatto riaprire alcune "buchette del vino", pensando di soddisfare a pieno le regole per il distanziamento sociale causato dalla Covid-19. Similmente come accadeva all'epoca della peste.

Segui la pagina Curiosità
Segui
Segui la pagina Vino
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!