È successo a Hyères, nel sud della Francia, in Costa Azzurra, dove è stato affisso un chiaro messaggio, sulle pareti dello stesso ristorante, che vietava esplicitamente ai dipendenti di nutrire i senzatetto o clochard. Subito scandalo, non essendo la prima volta che il fast food americano più famoso al mondo commette una simile gaffe (basti ricordare la vicenda della donna non vedente, cacciata perché McDonald's non ammette animali, compreso il suo cane guida). Questa, se così può essere definita, "iniziativa", è nata a seguito della nuova legge in Francia, che impedisce lo spreco del cibo dei supermercati. Ma un dipendente, inconsapevole che il suo umile gesto avrebbe causato un tale putiferio, è stato sorpreso dal direttore furioso a cedere il suo pranzo a un senzatetto, che si trovava appena fuori dal locale.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Lega Nord

La reale causa di una reazione così estrema, da parte del McDonald's francese, potrebbe essere una lite scoppiata fra due clochards per aggiudicarsi il panino offerto, ma questa rimane solo un'ipotesi.

Le parole della direzione che fanno scandalo

Queste le parole esatte a cui, tutti i dipendenti, sarebbero stati costretti a sottostare, nel McDonald's francese: "Vietato procurare del cibo ai senzatetto. Il pranzo dei nostri dipendenti va consumato sul posto. È un beneficio di natura personale e può essere consumato solo dai dipendenti". Concludendo con "McDonald’s non ha vocazione a nutrire tutti gli affamati del territorio! Ogni mancamento alla suddetta procedura comporterà una sanzione che può spingersi fino al licenziamento". La frase viene subito immortalata e inviata alla rivista "60 Millions de consommateurs" da un cliente, facendo, come si può prevedere, immediato scalpore, in primis sui social network, dopo la pubblicazione su Twitter da parte del caporedattore del giornale.

I migliori video del giorno

Le scuse

La vicenda risale al 25 luglio dello scorso anno. A oggi pare essersi tutto risolto con le scuse, da parte della direzione, che afferma di aver affisso quel cartello solo con l'intento di proteggere i clienti, dopo un incidente in cui sono rimasti coinvolti due senzatetto, quello stesso giorno. Porge così le scuse a tutti coloro che si sono sentiti offesi e, sempre parole sue, "La nostra vocazione è servire tutti i clienti senza distinzioni". Insomma, l'importante è che nulla sia dato via gratis! Per lo meno, si può dire un lieto fine per il dipendente che ha scampato un licenziamento in tronco, il quale dichiara: "Il sorriso delle persone a cui offrivo il mio panino non ha prezzo". Proprio come sottolinea la campagna pubblicitaria della filiale francese "venite così come siete", il dipendente ha fatto solo il suo dovere, forse troppo altruista per essere capito da una società che ha dimenticato l'importanza dei reali valori, racchiusi nei piccoli gesti.