Un dossier choc della procura di Genova e un silenzio durato vent'anni. Vent'anni per arrivare all'arresto del professore di musica Sergio Morana, oggi sessantenne, ed accusato di una nuova violenza sessuale su una nuova alunna, di soli undici anni. 

Ciò che rende questa storia ancora più torbida e assurda è il muro di silenzio innalzato dalla Scuola, nonostante le diverse segnalazioni da parte di genitori e professori: il vecchio preside, a metà degli anni novanta, 'invitò' il professore a prendersi un po' di riposo. 

Genova, arrestato un professore di musica: l'ex preside lo invitò ad un 'periodo di riposo'

Quel lungo congedo dal lavoro venne motivato da una sindrome ansiosa-depressiva, con tanto di regolare documentazione medica ma, in realtà, dietro quei certificati si nascondeva una malattia ben più grave, la pedofilia.

Il pretesto della malattia consentì al docente di evitare i provvedimenti disciplinari, visto che il personale docente, in questi casi, non vi è soggetto: eppure c'era chi voleva ricordare quello che stava succedendo in quella scuola, attraverso delle scritte sul muro che inequivocabilmente denunciavano il 'Pedofilo'.

Casi di pedofilia e testimonianze agghiaccianti

I casi sono diversi e le testimonianze agghiaccianti, quelle riportate dal quotidiano ligure 'Il Secolo XIX': ragazzine con meno di quattordici anni invitate ad incontri extrascolastici, un'ex allieva che decide di lasciare la scuola, per poi tentare il suicidio. I racconti sono tremendi: sei studentesse delle scuole medie costrette a ballare per il professore di musica, mentre quest'ultimo fissava costantemente il loro fondoschiena e lo fotografava.

I migliori video del giorno

In sottofondo, il docente aveva messo un brano della popstar trasgressiva Eminem, una musica che inneggiava all'organo sessuale femminile: 'Sapete il significato di questa parola? - chiedeva l'insegnante - è quella che avete tra le gambe'.

Eppure, ancora adesso, c' è chi non crede alle ragazzine e continua a difendere il professore, come nel caso di una docente, collega del Morana: 'Su di lui non ho sentito nulla' dichiara. Eppure, in vent'anni, qualcosa è successo, purtroppo.