Si parla ancora di riforma Pensioni al Governo Renzi, anche dopo la fiducia al Senato sulla legge di stabilità. Si insiste maggiormente sull'esigenza di una più concreta flessibilità in uscita e le novità riguardano principalmente la questione dei bonus pari a € 80 che, contrariamente a quanto sperato, non vengono estesi a chi percepisce pensione e ai possessori di partita IVA.

Riforma pensioni e la legge di stabilità: il bonus da 80 € non va ai pensionati e ai possessori di partita IVA

La legge non lascia possibilità d'interpretazione: ad usufruire del bonus lavoratori della cifra di € 80 saranno i dipendenti che percepiscono cifre di reddito ben scandite.

Il minimo annuo è di 8.145 euro e il massimo non deve superare i 26.000 euro. I cittadini che rientrano in questi criteri ammontano a circa dieci milioni di persone, ma restano ancora una volta fuori dai giochi coloro che stanno già in pensione e chi possiede una partita IVA. Senza contare chi percepisce un reddito inferire ai già scarsi 8.145 euro. Come dovranno arrabattarsi queste persone o questi nuclei familiari non ci è dato saperlo, il Governo al momento non ha intenzione di rivedere la cosa.

Riforma pensioni e la legge di stabilità: i lavoratori dell'amianto ottengono un po' di giustizia

All'interno della legge di stabilità 2015 troviamo inoltre informazioni rilevanti che interessano i lavoratori dell'amianto. Era già noto il provvedimento di deroga a favore dei dipendenti dell'Isochimica di Avellino, grazie al quale più o meno duecento persone entreranno a far parte dei beneficiari del fondo vittime dell'amianto, che includerà un arco di tempo di 3 anni (2015/2017).

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Matteo Renzi

Anche i dipendenti di Genova ottengono uno sblocco della loro situazione. Erano stati ritenuti infatti dall'INAIL non idonei per trarre beneficio da questo fondo dedicato alla categoria. Il deputato Mario Tullo però avrebbe presentato una richiesta che prevedeva l'annullamento di tale ingiusta certificazione, e come da fonti ufficiali, l'emendamento avrebbe trovato accoglimento.

Se volete restare aggiornati sull'argomento, cliccate il tasto "segui", in alto sopra l'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto