Tempi ridotti per il dirigente scolastico per presentare il piano dell'organico dell'autonomia, in relazione al fabbisogno didattico dell'istituzione scolastica in oggetto, da costituire su base regionale e con cadenza triennale. Il Ds dovrà preventivamente richiedere e acquisire la volontà del collegio dei docenti, del consiglio di istituto e degli attori economici, sociali e culturali regionali entro 15 giorni dall'entrata in vigore del decreto legge de La Buona Scuola.

Un prezioso aiuto ai presidi, che da quest'anno dovranno scegliere gli insegnanti della propria Scuola da albi provinciali e territoriali, dal personale della scuola che visiterà il sito ufficiale e si candiderà per uno dei posti vacanti o disponibili sulla materia di insegnamento per la quale ha titolo. I dettagli dell'art.10 del provvedimento in materia di riforma della scuola e le problematiche del rispetto della prima data prevista per il mese di maggio da parte delle scuole.



Definizione posti dell'organico dell'autonomia 2015

In relazione al ddl scuola approvato dal Governo Renzi, il Ministero della Pubblica Istruzione dovrà definire il piano dell'organico dell'autonomia per l'anno scolastico 2015/2016, ovvero con decreto interministeriale Miur, Mef, Funzione pubblica e Regioni. Il piano del 2015 interessa eccezionalmente, e solo per quest'anno, i posti di potenziamento della scuola primaria e della scuola di istruzione secondaria di I e II grado (potenziamento dell'offerta formativa, funzionali) che dovrà essere determinato in relazione alle indicazione del DS delle istituzioni scolastiche in oggetto, in concerto di valutazione con il collegio docenti e il consiglio di istituto, in materia di fabbisogno didattico-educativo. Si consideri inoltre che con le nuovi disposizioni di legge, i docenti che andranno a far parte dell'organico dell'autonomia per l'a.s. 2015/2016 (posti comuni e posti sul sostegno) dovranno essere individuati scorrendo l'albo provinciale, sempre a seguito dell'approvazione della riforma, che potrebbe arrivare anche alla fine di giugno: preventivamente si era parlato di presentazione del documento atto a definire il nuovo contingente entro il mese di maggio 2015.

Quanto tempo ha il DS per l'organico dell'autonomia?

Al momento sembra però difficile rispettare le tempistiche disposte dal Ministero che porterebbero alla convocazione del collegio e del consiglio in oggetto di seguito all'espletamento degli esami di licenza media e della maturità - nel caso in cui la riforma sia approvata durante il prossimo mese. Il DS deve infatti, prima di definire l'organico dell'autonomia, deve acquisire il parere degli organi collegiali, stabilire una data di convocazione accessibile a tutti i docenti appartenenti. Previsto dunque uno slittamento della definizione dell'organico funzionale della scuola per il prossimo anno scolastico - che per il momento interesserà solo i neoassunti - in considerazione che anche il piano straordinario delle assunzioni da GaE e per i vincitori del concorso 2012 ancora non è stato avviato. Il dirigente scolastico dovrà inoltre definire la copertura dei docenti assenti con la previsione  di contratti di supplenze brevi fino a 10 giorni. È dunque un fatto incontestabile che la determinazione del organico dell'autonomia slitti di un mese (senza considerare la scadenza dei 15 giorni di tempo per la conclusione della valutazione). Se desiderate restare aggiornati sulle notizie scuola e pensioni, vi consigliamo di cliccare su 'segui' in alto a destra. Nel caso abbiate trovato la news interessante, vi ricordiamo che potete votarla da 1 a 5 cliccando sulle stelle gialle in alto a destra.



Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto