"La mia proposta di legge è attualmente all'esame della Commissione Lavoro alla Camera": a ricordarlo è il deputato del Partito Democratico Cesare Damiano. Si tratta del ddl che prevede l'uscita anticipata a partire dai 62 anni di età anagrafica assieme a 35 anni di versamenti contributivi pena una riduzione massima sull'assegno pensionistico pari all'8 %.

Il provvedimento incamerato in Commissione nei giorni scorsi, darebbe la possibilità ai lavoratori rimasti "vittime" della precedente Riforma Fornero di lasciare anticipatamente il lavoro anche dopo il perfezionamento di almeno 41 anni di versamenti contributivi senza andare incontro a nessun tipo di penalizzazione sull'assegno previdenziale.

Pubblicità
Pubblicità

Tale proposta potrebbe essere d'ausilio ai lavoratori usuranti e precoci che hanno iniziato la propria attività lavorativa in giovane età. Stando a quanto riferito su "Pensioni Oggi", l'altro passo importante che il Governo dovrà compiere per quanto riguarda la previdenza italiana è l'unificazione dei contributi versati in più gestioni previdenziali.

Il Governo è ancora concentrato sui correttivi da apportare alla Legge Fornero contenuta nel Decreto Monti del 2011 anche se, ancora si attende il confronto con il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti, il Presidente dell'Inps Tito Boeri e i vari sindacati fissato per il prossimo 3 giugno.

Pubblicità

Lo ha lasciato intendere il Presidente della Commissione Lavoro alla Camera Damiano, il quale avrebbe precisato che se si registrasse una convergenza, sarebbe più semplice trovare una soluzione a partire dalla prossima Legge di Stabilità.

Cosa afferma Damiano

Sempre come riporta il sito d'informazione "Pensioni Oggi", anche il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini sembra appoggiare la proposta avanzata dall'onorevole Damiano.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Motivo che spinge il deputato del Pd ad andare avanti: "dalle dichiarazioni di Salvini speriamo di passare ai fatti, anche perché lo stesso Premier Renzi ha ammesso la necessità di correggere la legge Monti introducendo un criterio di flessibilità nel sistema previdenziale", ha affermato Damiano.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto