Relativamente alla riforma del sistema previdenziale, sembra che la situazione sia bloccata e, forse, lo rimarrà per molto tempo. Tito Boeri, presidente Inps, con le sue dichiarazioni, ha creato non poca confusione respingendo, in un certo senso, le proposte che sono attualmente allo studio del Governo Renzi. Secondo il responsabile del più importante istituto di previdenza sociale in Italia, le idee sin qui presentate in Parlamento, dalla Quota 100 alla Quota 97 con penalizzazione, costerebbero troppo.

Pubblicità

Sel e M5S hanno presentato alcuni emendamenti sulla questione 'Quota 96'

Arrivano, nel frattempo, nuove proposte destinate solamente ad alcune categorie di lavoratori. È il caso di alcuni emendamenti presentati da Sel e Movimento 5 Stelle, i quali cercano a tutti i costi di chiudere definitivamente la questione dei 'Quota 96' del comparto scuola chiedendo il congedo definitivo degli stessi con l'applicazione delle norme ante-Fornero. Anche in questo caso, considerando la mancanza di risorse economiche da parte delle casse dello Stato, sembra piuttosto difficile che possa risolversi la problematica in questione.

Inoltre, il governo Renzi appare concentrato su altri fronti come quello dell'immigrazione e quello del calo dei consensi del Partito Democratico. Forse, proprio questo punto potrebbe essere la svolta definitiva.

Si è in attesa della decisione della Consulta sul blocco della contrattazione nel pubblico impiego

Nel frattempo, si guarda con curiosità sui nuovi appuntamenti dei prossimi giorni, a cominciare dalla giornata odierna, durante la quale verrà effettuata una riunione a Bruxelles allo scopo di trovare un accordo con la Grecia.

Pubblicità

Questo incontro è molto importante in funzione del prestito che l'Italia ha fatto alla nazione ellenica di 40 miliardi di euro allo scopo di evitare il fallimento della stessa. Inoltre, il 23 giugno, si aspetta la sentenza della Corte Costituzionale relativamente al blocco della contrattazione nel pubblico impiego, fatto che potrebbe incidere tantissimo sulle successive decisioni sulla riforma del sistema pensionistico.