È di ieri la notizia in cui il premier Renzi ha annunciato agli insegnanti 'che si crederanno' in materia delle riforma Scuola e dell ddl tanto contestato. Eppure il progetto previsto per le immissioni in ruolo per il prossimo anno scolastico non è stato ancora ben definito e si attende il 7 luglio per conoscere la sorte dei precari della scuola. Inutile dire che nel we sono state già organizzate diversi incontri a Roma.

Pubblicità
Pubblicità

In base al complessivo piano del Governo Renzi e del Ministero dell'Istruzione, entro il 31 agosto 2015 dovrà essere completata la prima fase di assunzioni. Successivamente al completamento di tale operazioni, il Governo avvierà la seconda fase sui posti disponibili dell'organico di diritto per un numero complessivo di circa 10.849 cattedre, in aggiunta ai posti vacanti non assegnati, come previsto nel piano straordinario delle assunzioni dei precari per l'a.s.

Pubblicità

2015/2016 e ai posti dell'organico aggiuntivo. Le immissioni in ruolo della seconda fase di stabilizzazione dei precari saranno però espletate in ulteriori tre sottofasi in relazione ai due organici: vediamole nel dettaglio, e chi sarà interessato al provvedimento, la scelta delle sedi scolstiche, la titolarità, le date entro quando dovranno essere avviate e la decorrenza giuridica ed economica.

Piano assunzioni entro il 15 settembre 2015

Il Piano straordinario assunzioni interesserà i docenti iscritti a pieno titolo in GaE per il 50% delle assunzioni e per il restante 50% gli idonei e i vincitori del concorso 2012, utilizzando le modalità previste per la prima fase. Potrebbe accadere che il numero dei posti previsti dal piano straordinario non sia in grado di coprire le esigenze della scuola e il numero degli aspiranti pesenti in GaE. In questo caso, tutti i docenti precari non assunti entro la data del 15 settembre 2015, secondo le tre differenti sottofasi, resteranno in graduatoria per assunzione su percentuale del 50% dei contingenti provinciali. Tutte le assunzioni per l'a.s. 2015/2016 avranno una differente decorrenza giuridica ed economica e saranno espletate su altre tre sottofasi e entro una determinata data:



  1. assunzione su posto vacante dell'organico di diritto nella propria regione o provincia (in relazione alla copertura presente) entro il 15 settembre 2015  e con decorrenza giuridica ed economica in tale data, sede provvisoria che sarà definita con la mobilità dell'a.s. 2016/2017;



  2. assunzione su restante posto libero dell'organico di diritto per mancanza di aspiranti su una determinata classe di concorso, per esempio, e su posto libero dell'organico aggiuntivo, scegliendo tra posto comune o posto sul sostegno e in tutte le province con decorrenza giuridica ed economica dal 1 settembre 2015; la modalità di assegnazione della sede scolastica si conferma la stessa della prima fase di assunzione, ma con la possibilità di presentare domanda di trasferimento negli AT. Si consideri che i precari assunti questa seconda fase del piano straordinario non avranno più titolarità;



  3. assunzione su posto libero dell'organico aggiuntivo sulle differenti province a livello nazionale con decorrenza giuridica dal 1 settembre 2015, posti di potenziamento. Si ricorda a tal proposito che la modalità di assegnazione dei posti resta il 50% GaE e 50% da GM del concorso 2012, in considerazione che le graduatorie di altri concorsi a cattedra con iscritti saranno chiuse al seguito del completamento della prima fase di assunzione entro il 31 agosto 2015. Se vuoi restare aggiornato sulle assunzioni del piano straordinario 2015/2016, clicca su 'segui' e/o vota la news cliccando sulle cinque stelle in alto alla tua sinistra.


Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto