Con la riforma Scuola e la scelta di come effettuare le assunzioni dei precari, il Governo ha dimostrato di essere irresponsabile. E' questa la sintesi del comunicato stampa della FC CGIL, che ha sottolineato come la propaganda governativa sulla riforma scolastica e la stabilizzazione dei precari sia stata solo una presa in giro. Perché la verità è che la promessa continuità didattica, fondamentale per una scuola efficiente, viene messa a rischio dal metodo di assunzione scelto. Il risultato finale dopo il piano straordinario di assunzioni, sarà non aver coperto tutti i posti in organico, aver ristretto il campo degli aventi diritto e aver allargato la sede al territorio nazionale.

Pubblicità

Chi ne farà le spese? I docenti precari!

Perché 2 fasi nelle assunzioni dei precari?

Il problema più evidente delle fasi B e C delle assunzioni 2015/16 è che questa separazione comporterà iniquità tra aspiranti docenti, proprio a causa della migrazione fra regioni. Se la fase fosse stata unica, il problema sarebbe stato inferiore. Ad ogni modo regna l'incertezza, motivo per cui diversi docenti hanno deciso di non presentar domanda nella speranza che rimanere in Graduatoria permetterà loro di avere un posto migliore nei prossimi anni.

Ma anche qui, nessuna certezza. Perché nelle FAQ il Miur parla di 'soppressione' della graduatoria e non di 'esaurimento' della graduatoria, lasciando dubbi sul destino futuro delle Gae. È possibile mai che si debba decidere se presentare o meno la domanda per le assunzioni 2015/16 nella totale incertezza? La FLC CGIL lo definisce un sistema 'farraginoso e foriero di contenzioso' e invita il Governo alla modifica della legge 107/2015.

Il Sud sempre penalizzato

Ancora più in ansia per le assunzioni 2015/16 sono  docenti del Sud, che hanno la quasi certezza di dover in gran parte trasferirsi al Nord.

Pubblicità

E considerato che gli stipendi sono quello che sono, sarà quasi impossibile per questi docenti sopravvivere mantenendo un livello di vita come quello che avrebbero avuto rimanendo nella propria regione. Si sta giocando con la vita delle persone. Possibile che il Governo non se ne renda conto?