Le GaE saranno soppresse? Ma se non è il Miur a chiarire quello che sta succedendo nella Scuola, chi può farlo? Qualche giorno fa il Ministero ha emanato le FAQ, le risposte alle domande più comuni. Lo scopo delle FAQ è quella di dare risposte chiare ai dubbi. Ma non solo queste sono state pubblicate tardi, ovvero solo il primo giorno in cui veniva dato il via alle domande di assunzione nella scuola per le fasi B e C, ma hanno portato con se nuovi dubbi che prima non c'erano. Perché se da un lato si è dato risposta ad alcune domande tecniche, dall'altro è stato sollevato il dubbio circa il destino delle GaE. In che modo?

Le GaE: soppresse o esaurite?

La domanda che ha assillato i docenti nelle ultime settimane, è stata 'cosa succede se non presento la domanda di assunzione?' Le risposte approssimative erano state date dai sindacati, che rifacendosi al testo della legge 107/2015 avevano risposto che chi non presentava domanda restava in Graduatoria a pieno titolo. La legge, infatti, afferma che le GaE perdono efficacia a partire dal primo settembre 2015 se esaurite.

In tutti questi giorni di dibattito il Miur è rimasto in silenzio, per poi creare una FAQ in cui risponde al quesito affermando che il docente che non presenta domanda è escluso dal piano di assunzioni e rimane iscritto in graduatoria fino alla sua soppressione. Affermazione che ha subito scatenato tutti: le GaE saranno soppresse? Perché forse il Ministero non lo sa, ma c'è differenza tra soppressione ed esaurimento.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Miur volutamente ambiguo?

L'ambiguità del Miur è ingiustificabile. I docenti devono sapere esattamente cosa fare e le conseguenze del presentare o non presentare domanda. E' un loro diritto. La FAQ in discussione va contro il comma 105 della legge sulla riforma scuola, che stabilisce che la GaE si esaurisce solo dopo che tutti gli iscritti sono stati assunti. Nel commentare il fatto anche il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi, si è dimostrato infuriato.

Ha definito le assunzioni una lotteria in cui si prende il biglietto senza sapere il risultato. Eppure dopo due giorni, nessuna nota è stata emessa per far chiarezza, mentre il tempo per presentare la domanda scorre.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto