Su Orizzonte Scuola, trattando della nuova classe di concorso L2 (codice A23) appena istituita dal Miur per l'insegnamento dell'italiano rivolto agli alloglotti, ossia gli alunni di lingua straniera, si rende noto quali sono i titoli di accesso per la prossima selezione, nonostante le tabelle relative non siano ancora state pubblicate dal Miur. Come è noto infatti, il concorso relativo è stato per adesso soltanto annunciato dal ministro Giannini per il prossimo mese di dicembre del 2015. A rimarcarlo, augurandosi che queste tabelle contemplino il lavoro che da anni viene svolto da chi ha appena ottenuto una laurea specialistica, è il presidente della Adipis. Il commento relativo alla notizia è riportato sulle pagine del sito dell'Albo Professionale dei Docenti di italiano a stranieri.

Pubblicità

Nel prosieguo analizziamo quanto apparso ieri su Os circa questa novità conseguente alla legge numero 107 di riforma scolastica.

Le ipotesi sui requisiti

Tra i requisiti necessari per poter accedere alle selezioni nazionali, oltre al titolo di specializzazione in L2 ottenuto con un corso annuale (o due corsi semestrali), OS opera una distinzione in tre macroraree: le lauree del vecchio ordinamento, le Lauree Specialistiche del D.M. 22/05, le Lauree Magistrali afferenti il D.M. 270/04. Stando a quanto riportato nell'articolo di Orizzonte Scuola, ulteriori requisiti sarebbero i seguenti: Laurea in discipline linguistiche e abilitazione all'insegnamento in una delle seguenti classi di concorso: A43, A50, A51, A52, A45, A46 del previgente ordinamento, purché congiunto con titolo specifico per l'insegnamento L2 ( DITALS I, II etc.) e purché il titolo di accesso comprenda i seguenti CFU: 12L-LN/01; 12L-LN02; 12FIL-LET ovvero un corso annuale o due semestrali nelle seguenti discipline: glottologia o linguistica generale, glottodidattica, didattica della lingua italiana.

Precisazioni

La novità della cdc contrassegnata con L2 riaccende le speranze di quanti finora insegnavano all'estero attendendo sviluppi positivi sul fronte nazionale, anche se è doveroso ricordare che va data ancora risposta e attenzione ai tanti docenti laureati in altre discipline in spasmodica attesa di ulteriori dettagli. Tra chi si è visto negare l'abilitazione compaiono i laureati di storia o mediazione linguistica, ad esempio, scienza dell'educazione, Lingue e Letterature moderne europee e americane.

Pubblicità

A tutt'oggi, come risulta anche dal sito del Miur alla pagina relativa ai titoli di accesso che si può trovare all'indirizzo web http:// hubmiur.pubblica.istruzione.it/PRTA-TitoliAccesso/ricercapertitolo.action, non risultano infatti inserite le lauree di cui sopra. Come suggerito da diversi docenti, è consigliabile consultare spesso la pagina facebook di Max Bruschi. Spesso si è rivelata una fonte attendibile, come quando si è trattato di rassicurare sul fatto, confermato poi anche dal sottosegretario del Miur Faraone, che non ci sarà nessuna cancellazione delle graduatorie ad esaurimento.