Nel complesso dibattito intorno alla riforma delle pensioni 2015, le ultime notizie parlano di un nuovo intervento e di una nuova proposta, la quale, però, difficilmente potrà essere presa in considerazione, anche e soprattutto perché contraddirebbe i punti centrali della nuova idea di previdenza e di welfare state di cui il premier Renzi e l'Europa si sono fatti portavoce. La questione, infatti, non riguarda soltanto il sistema delle Pensioni o la flessibilità in uscita, ma l'ideologia che si trova alle spalle del governo Renzi: l'idea di fondo è che il welfare state (cioè: investimenti pubblici in scuola, sanità, previdenza, mercato del lavoro) siano soldi sprecati e il mantra sembra essere divenuto quello dell'assunzione individuale dei rischi della vita.

La nuova proposta di riforma delle pensioni per il 2015 arriva da Ferrero (PRC) e prevede una patrimoniale e una rivalutazione dei coefficienti delle pensioni d'oro.

Una nuova proposta di riforma pensioni 2015 e la strategia dell'ultimo minuto: news 27-08

La proposta di riforma delle pensioni per il 2015 avanzata da Ferrero è molto semplice: si tratta di una sorta di Quota 100 (requisito anagrafico di 60 anni e contributivo di 40 anni), senza alcuna penalizzazione.

La prima domanda che sorge è quella che si sente sempre ripetere è che lo Stato non può permettersi riforme di questo tipo perché troppo onerose. La risposta sembrerebbe essere semplice: le coperture si troverebbero attraverso una patrimoniale e una rimodulazione dei coefficienti delle pensioni d'oro. È chiaro come il governo stia andando in direzione opposta, secondo Ferrero: la promessa di eliminare la tassazione sulla prima casa non sarebbe assolutamente democratica, in quanto permetterebbe di non pagare l'imposta sia a chi possiede un piccolo bilocale di provincia, sia a chi possiede una villa di lusso.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Matteo Renzi

Con una maggiorazione delle imposte dirette a chi veramente può permettersele, si troverebbe la soluzione e si potrebbe ricostruire il welfare state smantellato. La proposta sembra essere passata sotto silenzio e difficilmente potrà essere presa in considerazione: anche i sindacati sembrano essere piuttosto lontani da questa impostazione.

In realtà, nel governo Renzi si sta consumando un nuovo conflitto: da un lato c'è Cesare Damiano che spinge per la sua proposta e sottolinea che non ci dovranno essere penalizzazioni maggiori dell'8%, dall'altro sembra che il premier in persona si stia orientando sempre di più verso il Piano Boeri e il passaggio al contributivo.

I tempi stringono per la legge di stabilità 2016 e sembra che il governo Renzi voglia sfoderare la propria strategia, quella dell'ultimo minuto: presentare una proposta di riforma delle pensioni con tempi di discussione molto stretti in maniera tale da presentarla come un 'prendere o lasciare'.

È tutto per quanto riguarda le news sulla riforma delle pensioni 2015 e gli aggiornamenti sulla materia previdenziale.

Per chi fosse interessato a ricevere notizie giorno dopo giorno, basta cliccare su 'Segui' in alto sopra il titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto