Ieri è stato il gran giorno per migliaia e migliaia di studenti impegnati nello svolgimento del Test di Medicina 2015. Studio, ricerche online, consultazione di forum e stress pre-esame lasciano da adesso in poi il posto alla voglia di conoscere esiti e risultati del Test di Medicina 2015, con i candidati che dovranno prima di tutto accertarsi dello status di godimento. La prima dicotomia da tenere a mente è idoneo/non idoneo, la seconda prenotato/assegnato che vale comunque solo per gli idonei.

Pubblicità

Cercheremo di fare chiarezza su questo punto presentandovi anche le date di pubblicazione della graduatoria e il luogo di reperimento della stessa. Vi ricordiamo sin da subito che per quest’anno il MIUR ha fissato la sufficienza in 20 punti complessivi.

News Risultati Test di Medicina 2015: tre date importanti, la verità entro un mese

Per conoscere i primi risultati del Test di Medicina 2015 i candidati dovranno attendere 13 giorni esatti: il 22 settembre prossimo, Cineca e MIUR pubblicheranno infatti i singoli punteggi.

Il punto di riferimento rimane il portale acessoprogrammato.miur.it. Dopo di che si scavalla ad ottobre: questa volta il 2 e il 7 sono i numeri da non dimenticare. Giorno 2 ogni candidato potrà visionare il proprio test, mentre cinque giorni dopo sarà resa nota la graduatoria nazionale reperibile a quel punto sullo stesso portale del MIUR. In questa fase scatterà il classico iter degli scorrimenti che tanto in ansia tiene ogni anni migliaia di studenti. Anche solo una decina di rinunce potrebbe fare la differenza tra accesso centrato e accesso negato.

Pubblicità

Test di Medicina 2015, due risultati possibili e una differenza da tenere a mente

Coloro i quali in graduatoria risulteranno idonei dovranno fare molta attenzione allo status accordatogli dal MIUR: due le possibilità esistenti per le professioni sanitarie, o assegnato o prenotato. Per coloro i quali risulteranno assegnati scatterà subito lo stappo della champagne: in questo caso il MIUR concede infatti l’accesso nella Facoltà indicata come prima scelta. Quattro i giorni a disposizione dei candidati per confermare la propria iscrizione e non perdere il diritto acquisito a seguito pubblicazione della graduatoria.

Discorso diverso per i prenotati, per i quali c’è comunque un posto garantito in uno degli Atenei individuati come seconde o terze scelte. A questo punto scatta la fase degli scorrimenti con le varie rinunce che come già sottolineato potrebbero contribuire a rimescolare le carte in tavola. Dall'anno prossimo potrebbe cambiare tutto: nonostante il flop dello scorso anno, il Ministero nutre infatti la speranza di poter portare avanti una riforma organica e ben costruita che ri-assembli completamento il percorso di ingresso in Facoltà.

Pubblicità

Chi vivrà vedrà verrebbe da dire. I dubbi sono senz'altro più delle certezze