La settimana appena trascorsa ha visto, relativamente alla riforma del sistema previdenziale, l'approvazione in Commissione Lavoro alla Camera degli emendamenti al disegno di legge sulla settima salvaguardia per gli esodati. Questo è stato possibile grazie ad un completo accordo tra le varie forze politiche presenti nella stessa Commissione.

Il provvedimento sugli esodati passa all'esame del governo Renzi

A questo punto, il provvedimento passa al Governo e al ministero dell'Economia, per la parte di propria competenza, per poi giungere alla definitiva approvazione.

Si attende, ora, la risposta dell'Esecutivo, entro dieci giorni, per capire se il testo potrà essere approvato così com'è, oppure sarà necessario effettuare delle modifiche. La cosa più probabile è che il documento in questione venga inserito nella prossima Legge di Stabilità, con le opportune modifiche. Certamente, dovrà essere valutato l'aspetto economico relativo alle risorse finanziarie disponibili.

Il premier Renzi sarebbe intenzionato a non transigere sulla questione, dato che anche l'Unione Europea ha espresso la necessità, in caso di riforma del sistema pensionistico italiano, di non pesare sulle casse dello Stato.

Confermata la salvaguardia per i Quota 96

Per quanto riguarda il provvedimento, le ultime notizie ci dicono che è stata ricalcata la sesta salvaguardia con uno spostamento in avanti della data di riferimento, dal 6 gennaio 2016 al 6 gennaio 2017, con la quale si dovrebbero includere tutti gli esodati da tutelare.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Confermata anche la salvaguardia per tutte i quei lavoratori Quota 96, docenti e personale Ata, che da circa tre anni attendono una soluzione alla loro problematica. In questo modo, a partire dal prossimo anno, 2.500 lavoratori del comparto scuola potranno lasciare il lavoro, dopo che la riforma Fornero li aveva bloccati per un errore contenuto nella legge approvata nel 2011 ed entrata in vigore l'anno successivo.

Non ci resta che aspettare ancora qualche giorno per capire come il governo Renzi deciderà di affrontare la questione previdenziale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto