La famosa flessibilità in uscita, tanto anelata dai lavoratori e discussa negli ultimi mesi, potrebbe infine arrivare tramite il meccanismo del prestito pensionistico. È quanto ha riportato nella serata di ieri l'ANSA, che parla di un meccanismo allo studio dell'esecutivo e del Ministro Padoan per portare a carico dell'azienda il costo dell'uscita dal lavoro. "Nell'ipotesi che la misura vada nella legge di stabilità, azienda e lavoratore dovrebbero trovare un accordo per l'uscita anticipata con costi sia per l'impresa che per il pensionando" spiega l'agenzia d'informazione, un'ipotesi che metterebbe in sicurezza i forzieri pubblici e consentirebbe il compromesso dell'impatto zero sul bilancio dell'Inps.

Resta evidente però che tale meccanismo presenta anche un certo grado di rischio, visto che non tutte le aziende potrebbero essere disposte ad intervenire per agevolare il meccanismo della staffetta generazionale.

Pensioni flessibili e legge di stabilità2016: il prestito arriverà inaffiancamento alle salvaguardie?

Stante la situazione, questo nuovo meccanismo di uscita flessibile dovrebbe comunque arrivare in concomitanza con un meccanismo sanatorio strutturale in favore dei lavoratori esodati e dell'opzione donna.

Molti di questilavoratori non potrebberoinfatti fruire del contributo fornito dell'azienda perché si trovano in uno stato di inoccupazione e risultano troppo giovani per ottenere il pensionamento secondo le attuali regole Inps e troppo avanti con l'età per potersi reinserire nel mercato dal lavoro. Resterebbe invece da capire quale sarà il destino dei cosiddetti lavoratori precoci, visto che l'unica proposta attualmente sul piatto e a loro destinata è quella in arrivo dalla Commissione lavoro alla Camera, che dovrebbe prevedere l'uscita con 41 anni di contribuzione indipendentemente dall'effettiva età anagrafica raggiunta e senza l'aggravio di ulteriori penalizzazioni.

Come da nostra abitudine, restiamo a disposizione qualora desideriate aggiungere un nuovo commento sulle vicende che vi abbiamo riportato, mentre per ricevere tutte le prossime notiziesul tema delle pensioni anticipatevi ricordiamo di utilizzare il comodo tasto "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!