La flessibilità in uscita sarà un argomento che verrà trattato il prossimo anno con un apposito provvedimento. Nella Legge di Stabilità, in realtà, è stata fatta un'apertura in questo senso: la possibilità di chiedere il part-time, a partire dai 63 anni, con contribuzione piena. Questa mini-flessibilità sarà applicata, se la suddetta legge venisse approvata dal Parlamento senza modifiche in merito, a richiesta del lavoratore e corrisponderà al 50 percento delle ore lavorative. I contributi saranno versati interamente dall'azienda. Per compensare i versamenti aggiuntivi del datore di lavoro, gli oneri aggiuntivi verranno fiscalizzati.Questa è la novità dell'ultima ora diffusa dagli organi di stampa già a partire dalla serata di ieri.

Il ministro Poletti ha evidenziato che le risorse finanziarie per coprire questo nuovo sistema pensionistico ci sono, anche perché il costo per le casse dello Stato sembra non essere eccessivo. Ovviamente, anche se la contribuzione per i lavoratori sarà piena, la retribuzione sarà dimezzata.

Requisiti pensione di vecchiaia e anticipata

Prima di andare a vedere cosa sarà inserito nella Legge di Stabilità, in materia previdenziale, ricordiamo quali saranno i requisiti per la pensione di vecchiaiaa partire da gennaio 2016:

  • Dipendenti privati: 66 anni e 7 mesi per gli uomini, un anno in meno per le donne
  • Dipendenti pubblici: 66 anni e 7 mesi per tutti
  • Autonomi: 66 anni e 7 mesi per gli uomini, 6 mesi in meno, per le donne

La contribuzione minima da versare deve essere di 20 anni, escluse le Pensioni che possono fruire della deroga Amato, con la quale sono necessari 15 anni di versamenti.

La pensione anticipata prevede, per il 2016, un versamento minimo contributivo di 42 anni e 10 mesi per gli uomini, un anno in meno per le donne.

Provvedimenti inseriti nella Legge di Stabilità

La manovra finanziaria proposta dal governo Renzi -la Legge di Stabilità per l'appunto- ha confermato la proroga del sistema contributivo donna (Opzione Donna) al 31 dicembre 2015.

Tutte le lavoratrici che matureranno i requisiti pensionistici di 57 e 3 mesi di età (un anno in più per le autonome) e 35 anni di versamenti contributivi entro la fine dell'anno potranno chiedere di usufruire di questo metodo pensionistico. Soluzione anche per gli esodati, i quali potranno usufruire della settima salvaguardia, annunciata già alcune settimane fa.

I soggetti tutelati saranno circa 26.000, ai quali si aggiungeranno anche i disoccupati dell'edilizia e i lavoratori licenziati per il fallimento delle aziende. Ribadiamo che la Legge di Stabilità è stata proposta dall'esecutivo, in queste settimane ci sarà la fase di valutazione e approvazione del Parlamento ma anche dell'UE.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!