Non c'è la tanto attesa e promessa flessibilità in uscita per i prepensionamenti, ma ci sono 4 nuove misure per le pensioni nella nuova legge di Stabilità 2016 varata oggi (15 ottobre) dal consiglio dei ministri presieduto dal presidente Matteo Renzi. A soffermarsi sulle novità in materia previdenziale inserite alla fine nella manovra di bilancio è stato lo stesso primo ministro nel corso della conferenza stampa tenuta oggi a Palazzo Chigi a margine del Cdm n. 87 che ha dato l'ok al disegno di legge sulle disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato.

Legge di Stabilità 2016, via libera dal Consiglio dei Ministri n. 87

"Ci sono nella Legge di Stabilità - ha detto il premier - misure di sostegno per le Pensioni. Non c'è la flessibilità di cui si è parlato - ha spiegato Renzi in conferenza stampa - perché non siamo nelle condizioni". I problemi incontrati dall'esecutivo sulla riforma pensioni sono ovviamente di natura economica. "Dobbiamo studiare - ha aggiunto il primo ministro non spegnendo le speranza per la pensione anticipata - tutti i dettagli per evitare che gli interventi alla lunga si rivelino complicati". Queste le ultime brutte notizie sul fronte previdenziale, dopo mesi di attesa, promesse e rassicurazioni del governo, l'ennesime doccia fredda sulle modifiche alla legge Fornero, anche se sarà adesso battaglia in sede parlamentare.

Per quanto riguarda le buone notizie, invece, "ci sono 4 misure per le pensioni", ha detto Renzi elencando: "No tax area, opzione donna, part-time e settima salvaguardia esodati".

Renzi: quattro misure sulle pensioni, ma non la flessibilità per tutti

Intanto, dopo aver affrontato la questione delle pensioni, il premier e leader del Pd ha illustrato anche su Twitter la nuova legge di bilancio.

"Via - ha detto riferendosi all'abolizione della Tasi - le tasse sulla prima casa". Un passaggio, quello della riduzione della pressione fiscale che infonde secondo il premier fiducia negli italiani. "Dopo gli 80 euro e l'Irap - ha tweetato - un altro segno di fiducia per gli italiani". "Taglio Ires - ha specificato Renzi - dal 2017 al 24%".

E poi ha aggiunto: "Comuni liberi di spendere soldi in cassa per - ha sottolineato - strade e scuole". Poi ha parlato della "prima misura organica contro la povertà. Con - ha evidenziato - comuni terzo settore e fondazioni, insieme". Povertà non solo in Italia ma anche nel terzo mondo. Non possono mancare gli aiuti italiani, il sostegno di un "Paese più autorevole. Crescono fondi - ha spiegato il premier su Twitter -per la cooperazione specie in Africa". Poi il nuovo concorso prof per "500 cattedre universitarie speciali per la ricerca", i "super ammortamenti" per gli investimenti delle imprese, stop all'Imu agricola. Questa e tante altre ancora le novità contenute nella legge di Stabilità, dove però non c'è stato spazio per la tanto auspicata riforma pensioni.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!