In merito alle attuali discussioni sulla legge di stabilità 2016, "il nostro compito come minoranza Dem è quello di accentuare la parte dell'equità sociale, il punto sul quale ci striamo concentrando". Ad affermarlo è il Presidente della Commissione lavoro alla Camera Cesare Damiano durante un suo intervento alla Conferenza Stampa di "sinistra è cambiamento". Per il parlamentare l'attuale impostazione della Manovra deve essere valutata nel segno di una discontinuità rispetto al passato, ma quanto fatto finora non è sufficiente nonostante i riscontri positivi.

"Ci sono segni quando c'è l'opzione donna, quando c'è la no tax area, quando c'è la settima salvaguardia [...] e non era scontato". Ma l'esponente del PD ricorda anche che "la battaglia previdenziale" per il diritto al pensionamento va avanti ormai dal 2012, con "un contributo importante" da parte della Commissione lavoro della Camera.

Riforma pensioni 2016, Damiano dice no al concetto del prestito Inps

"Per noi è essenziale uscire con questa legge di stabilità con una soluzione conclusiva sulla cosiddetta opzione donna [...] Così come io credo che sia importante la richiesta di anticipare la cosiddetta no tax area al 2016".

Spiegando che si tratta anche di un "segno simbolico di equità". Restano invece fuori dalla manovra gli interventi di flessibilità pensionistica e uscita anticipata dal lavoro, per il quale l'On. Damiano propone l'avvio di una sperimentazione. Secondo l'esponente della minoranza Dem non bisogna andare nella direzione di un prestito, ma di un anticipo. "Un prestito è una cifra che non ha a che fare con il diritto pensionistico maturato", mentre l'anticipazione può essere restituita prevedendo delle penalizzazioni, visto che in questo modo si pareggeranno i saldi.

Infine, l'On. Damiano ha definito il taglio ai Caf e ai patronato come "una cattiveria del Governo", un problema che andrebbe risolto visto l'accordo raggiunto tra l'esecutivo e i sindacati.

Come da nostra prassi, restiamo a vostra disposizione nel caso desideriate aggiungere un vostro commento alle dichiarazioni che vi abbiamo riportato. Mentre per ricevere tutte le prossime notizie di aggiornamento sulla previdenza vi ricordiamo di usare il comodo tasto "segui" che trovate in alto, vicino al titolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!