Mentre si attende l'emanazione dei bandi del concorso a cattedra 2016, ci si chiede come il Miur intenda risolvere la situazione dei docenti precari della Scuola dell'Infanzia, che risulta essere sempre più tragica e ingarbugliata, partendo dalle graduatorie fino al progetto 0-6. Questi docenti sono stati esclusi dalle fasi B e C del piano di assunzioni straordinario previsto dalla riforma scolastica, nota come legge 107/2015. Di conseguenza, mentre le graduatorie di altre classi di concorso sono state svuotate grazie all'assunzione del potenziamento, per l'infanzia questo non è avvenuto.

Secondo i calcoli del Movimento Nazionale Docenti Scuola dell'Infanzia, sono quasi 2mila i docenti inseriti nelle graduatorie del concorso scuola 2012 a rischio. Perché a rischio? Perché una volta avviato il nuovo concorso e formate le nuove graduatorie, queste saranno eliminate. Il concetto è stato ribadito nelle FAQ Miur pubblicate la scorsa estate, in cui viene detto che l'anno scolastico in corso (2015/16) è l'ultimo anno di vigenza delle graduatorie del concorso 2012. Ma dato che i docenti dell'Infanzia sono stati esclusi dal piano di assunzioni, non è discriminatorio agire in questo modo?

Soprattutto tenendo conto del fatto che la legge 107 tutela i docenti inseriti nelle GaE.

Miur e scuola dell'Infanzia: la soluzione dov'è?

La Stampa riporta sull'argomento della scuola dell'Infanzia, le parole dell'on. Puglisi: "Se l'economia andrà meglio e se partirà la ripresa potenzieremo anche la scuola dell'infanzia". Una frase che poco consola i docenti interessati, soprattutto date le incognite del progetto 0-6 dedicato a loro e che dovrebbe partire entro quest'anno.

Purtroppo, come abbiamo già evidenziato, anche le problematiche legate a questa parte della leggenon sono poche. Non a caso, sempre la senatrice Puglisi ha invitato le Regioni a fare la loro parte, in particolar modo al sud. Resta evidente che i docenti precari di GaE e GM della scuola dell'infanzia hanno subito una disparità di trattamento rispetto ai colleghi delle altre classi di concorso.

Resta aggiornato sul mondo della scuolacliccando il tasto Segui in alto vicino al titolo.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!