Ridere a Scuola non solo mette di buonumore, ma aiuterebbe anche la concentrazione e la collaborazione in classe. Questa è la teoria sostenuta dalla docente Lucia Suriano, autrice di "Educare alla felicità" ed ambasciatrice dell’International Laughter Yoga University. In un'intervista riportata su Orizzonte Scuola, l'insegnante spiega perché e come il potere della risata può cambiare il modo di lavorare in classe, producendo effetti positivi.

Tutti possono creare un clima positivo tramite la risata

La Prof.ssa Suriano spiega che tutti i docenti della scuola possono sviluppare tramite la risata un clima positivo in classe, in quanto devono aver sviluppato competenze socio-emotive.

Pubblicità

Naturalmente qualcuno è avvantaggiato dal carattere e dal retaggio culturale e familiare. Secondo la Suriano, un prof "antipatico " non è un professionista. La risata permette di creare la condizione ideale per il processo di apprendimento e questo è un fattore valido in qualsiasi ordine e grado di scuola. La risata, non ha età. La professoressa Suriano spiega anche che lo Yoga della Risata è una disciplina in cui si è imbattuta 10 anni fa e che ha provato per prima in classe. Gli effetti sui suoi alunni sono stato positivi.

Tornare a ridere in modo sano offre diversi vantaggi ad un docente, ma richiede un lavoro fatto sulla propria persona. Da questo è nato il progetto di Educare alla Felicità, che pur mantenendo la risata come punto fermo, è molto di più.

Risata, positività e concentrazione

La risata scatena nel corpo condizioni per favoriscono la concentrazione, per questo dovrebbe essere usata a scuola. Non deve essere considerata, dice la Surano, una nemica da combattere. E voi cosa ne pensate di questa teoria? C'è davvero bisogno di ridere di più insieme ai propri alunni? Avete notato anche voi che il clima portato dalla risata, predispone poi all'apprendimento e alla concentrazione?

Resta aggiornato sulle novità dal mondo della scuola, cliccando il tasto Segui che trovi in alto vicino al titolo di questo articolo.

Pubblicità