Il percorso di formazione per i neo-assunti docenti per l’a.s. 2015/2016 è stato articolato su quattro fasi principali per un totale di 50 ore, una delle fasi di particolare rilievo è la fase di reciproca osservazione tra docente e tutor (fase Peer to Peer). Lo scopo di questa attività è quello di miglioraregli aspetti culturali, didattici e metodologici della propria attività, attraverso forme di collaborazione e scambio tra colleghi. Nello specifico vediamo i dettagli.

Utilità e come svolgere l'osservazione

L'osservazione comporta ilmiglioramento delle pratiche didattiche (attraverso un mutuo scambio tra colleghi) e la riflessione condivisa su aspetti fondamentali dell’azione di insegnamento.

La fase del Peer to Peer è basata sull'osservazione quale componente indispensabile per ogni iniziativa di formazionesoprattutto per i neoassunti.Essa comprende 12 ore di pratica didattica così articolate:

  • 3 ore di progettazione condivisa (neoassunto e tutor);
  • 4 ore di osservazione del neo assunto docente nella classe del tutor;
  • 4 ore di osservazione del tutor nella classe del docente neoassunto;
  • 1 ora di valutazione dell´esperienza realizzata;

ogni step sarà concordato nelle date, modalità e strumenti.

Una delle domande più ricorrenti tra i neoassunti è che cosa osservare? Partendo dal presupposto che l'osservazione tra tutor e neoassunto non deve essere causa di inquietudine e apprensione, infondo, non si tratta di mettere in scena attività particolari per stupire gli osservatori, ma di condividere pratiche didattiche "normali" e di riflettere su passaggi chiave in cui si sostanzia un'efficace azione didattica.

I neoassunti potranno osservare e farsi osservare durante una semplice lezione a titolo di esempio sugli aggettivi, mentre si fa recupero, s'interroga ecc. L'osservazione del docente nella classe del tutor e viceversa dovrà basarsi sulla più completa naturalezze e semplicità, in quanto il compito del tutor non è quello di giudicare ma di accompagnare, sostenere e consigliare.

L'esperienza del Peer to Peer (basandoci sui dati dell'anno scorso) è risultata molto utile ai docenti neoassunti e tutor sia sul piano umano e relazionale (70% neoassunti e 77% dei tutor) sia sul piano operativo e professionale (57% neoassunti e 61% dei tutor).