Una risoluzione dell'on. Manuela Ghizzoni della VII Commissione Cultura è stata presentata alla Camera. Lo scrive Orizzonte Scuola specificando che riguarda la questione del progetto 0-6 licenziato con la legge 107. I docenti educatori attendono una soluzione alla situazione di precariato che ancora stanno vivendo. Se è vero che il Decreto Scuola passa in Senato sbloccando le assunzioni per 1732 maestre dell'infanzia presenti nelle graduatorie di merito del 2012, è altrettanto vero che è di gran lunga maggiore il numero dei docenti che attendono di essere chiamati per scorrimento dalle Graduatorie ad Esaurimento, circostanza che ha indotto l'on.

Pubblicità
Pubblicità

Ghizzoni a chiedere al governo un piano straordinario di assunzioni per i docenti della scuola d'infanzia. Con questa risoluzione si vuole mirare a favorire l'assunzione da parte dei Comuni.

Allentare il vincolo del Patto di Stabilità

L'onorevole afferma che ciò che impedisce ai Comuni di gestire adeguatamente le strutture a gestione diretta come i nidi e le scuole dell'infanzia sia il vincolo troppo stretto imposto alla spesa pubblica dal Patto di Stabilità.

Pubblicità

Le supplenze disponibili per i docenti della scuola dell'infanzia comportano aggravi di costo che potrebbero diminuire impegnandosi a realizzare un piano straordinario di assunzioni che consenta la dotazione di organici adeguati. Molti docenti presenti ancora nelle graduatorie concorsuali potrebbero trovare così una giusta collocazione.

La risoluzione

Nella proposta della Ghizzoni il governo deve assumersi l'impegno di consentire ai Comuni di mettere in atto un piano d'azione per salvaguardare e sviluppare i servizi scolastici-educativi per l'infanzia da 0 a 6 anni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola Pd

In più dovrà provvedere ad attuare un piano straordinario volto alle assunzioni del personale educativo ancora giacente nelle graduatorie ad esaurimento e in quelle di merito. Va da sé, continua l'onorevole, che occorrerà concedere una proroga triennale ai Comuni per consentire loro di stipulare contratti a tempo determinato in attesa che parta un nuovo concorso.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto