In questi mesi estivi sono stati approntate una serie di misure nei confronti degli avvocati che incideranno direttamente o indirettamente sull'esercizio della professione. Altre novità sono invece contenute nel disegno di riforma del processo penale. Iniziamo quindi con quanto disposto dal testo di legge sulle intercettazioni che se dovesse essere approvato anche dalla Camera ( dopo l'OK al Senato) introduce una stretta sulle intercettazioni per evitare la diffusione delle conversazioni dal contenuto irrilevante.

Nello specifico infatti viene previsto che degli atti contenenti registrazioni di comunicazioni o conversazioni o telematiche informatiche ed altre intercettazioni non utilizzabili e custodite in archivi non può essere effettuata copia da parte del giudice e degli avvocati delle parti. Èprevista però un eccezione ovvero nei casi in cui sia il giudice a ritenere rilevanti tali intercettazioni. In tali casi è possibile ottenere la trascrizione in forma peritale e copia degli atti. Il PM in relazione alla richiesta di giudizio immediato, può anche richiedere lo stralcio delle comunicazioni, conversazioni informatiche o telematiche inutilizzabili.

Queste ultime inoltre non potranno essere oggetto di "trascrizione sommaria”.

Giudici di Pace: ripristinate 51 sedi e in arrivo concorso per cancellieri

Un' altra buona notizia a favore degli avvocati è il ripristino di 51 uffici del giudice di pace che erano stati soppressi, a seguito del DM della Giustizia sulla G.U. del 2 agosto 2016. Gli Enti locali interessati hanno richiesto il mantenimento degli uffici del giudice di pace soppressi, anche con un accorpamento, con spese di funzionamento e di assunzione del personale amministrativo a loro carico.

Nel decreto in questione è stato indicato l’elenco di tutti gli uffici ripristinati o suddivisi per distretto di corte d’appello. È stato inoltre convertito in legge il decreto n. 117/2016 sul processo amministrativo telematico che posticipa la digitalizzazione degli atti del processo amministrativo al 1° gennaio 2017, mentre la sperimentazione può proseguire fino a fine anno. L’ennesima proroga stabilisce anche un bando per le assunzioni di 1000 nuovi cancellieri.

Tale decreto infatti autorizza il ministero della giustizia ad assumere nuove risorse entro il prossimo 30 agosto. Tali assunzioni verranno realizzate nel triennio 2016-2018 per compensare appunto la carenza di organico.

Le modalità di assunzione avverranno sia con procedure di concorso pubbliche disciplinate con decreto dello stesso ministero, sia con lo scorrimento delle graduatorie. Altre 366 unità di personale amministrativo verranno inserite con le procedure di mobilità.

Il ministro della giustizia Orlando ha infatti previsto uno stanziamento di un miliardo e 600 milioni di euro, che porterà ad assumere 4000 persone.

Compensazione crediti e casse previdenziali

Per risolvere il problema del ritardo nella corresponsione dei compensi gli avvocati tramite un decreto, avranno la possibilità di effettuare una compensazione per l'attività di gratuito patrocinio da essi prestata.

La compensazione può essere attuata con ogni tassa, imposta maturati e non ancora saldata. Sono esclusi dalla compensazione i contributi previdenziali. La domanda può essere presentata dal 17 ottobre sino al 30 novembre, con la piattaforma elettronica di certificazione previsto dal ministero dell'Economia e delle Finanze. Per le Casse professionali previdenziali è prevista la possibilità di puntare su fondi di investimento. Le Casse non potranno dedicare al loro investimento più del 10% del fondo. Per restare sempre aggiornati su tali argomenti potetepremere il tasto segui accanto al nome dell'autore

Segui la nostra pagina Facebook!