Il rdc (reddito di cittadinanza) è una delle manovre inserite all'interno del decreto. Il rdc è la forma di aiuto economico che il Movimento 5 Stelle ha voluto attuare come misura contro la povertà e l'esclusione sociale. L'obiettivo finale del rdc è quello di formare professionalmente e promuovere il diritto al lavoro di ogni cittadino. Ciò si rende possibile grazie all'inserimento sociale di tutti i cittadini che rischiano di essere emarginati all'interno della società: essi rischiano altresì di essere esclusi dal mondo del lavoro.

Pubblicità

Da marzo dovrebbe partire la possibilità di inviare la domanda per beneficiare del reddito di cittadinanza, mentre da aprile sarà possibile ricevere i primi pagamenti.

RdC anche alle imprese

Il reddito di cittadinanza sarà erogato anche alle imprese. Sono previsti, infatti, incentivi per le imprese che assumono i cittadini che ne beneficiano. Le stesse avranno un incentivo pari alla differenza tra 18 mensilità e il numero di mensilità già ricevute dal cittadino stesso. Possiamo fare un esempio pratico: se un cittadino percepisce il reddito di cittadinanza da 3 mesi e viene assunto da un'impresa, il titolare della stessa percepirà le restanti 15 mensilità che sarebbero state erogate al cittadino.

Si fa riferimento, quindi, a circa 11.700 euro erogati all'impresa che assume. Questa decisione presa dall'esecutivo giallo-verde vuole essere un incentivo per consentire alle imprese di effettuare assunzioni.

Doppio bonus per le aziende che assumono al Sud

La priorità che il M5S si è proposto è quella di fare ripartire l'economia del nostro paese garantendo a tutti i cittadini un'occupazione stabile. Il rdc nasce proprio con questo scopo, in particolar modo l'attenzione è rivolta al Sud. Per le imprese del Sud che assumono è in arrivo un doppio bonus: il rdc prevede che le aziende che offrono un lavoro a chi risulta essere disoccupato o inoccupato avranno diritto ad un incentivo, che va da un minimo di cinque fino ad un massimo di 18 mesi.

Pubblicità

Questo avverrà in tutta Italia, ma al Sud questa misura potrà essere associata ad un doppio vantaggio, sempre grazie al gruppo pentastellato. Quest'ultimo è stata approvato nell'ultima finanziaria e prevede una decontribuzione al 100% dagli oneri Inps, per l'anno in corso e per quello futuro. Tale beneficio è assicurato a quelle aziende del Sud che assumeranno a tempo indeterminato giovani che non hanno ancora compiuto 35 anni.