Reddito di cittadinanza, finalmente si parte. In data 4 febbraio 2019 il governo ha inaugurato il sito destinato all'invio delle domande di accesso al reddito di cittadinanza che potranno essere inoltrate a partire dal prossimo 6 marzo. Il sito è raggiungibile all'indirizzo internet redditodicittadinanza.gov.it.

Reddito di cittadinanza, i requisiti

Per poter avere accesso al reddito di cittadinanza occorre essere in possesso dei seguenti requisiti al momento dell'invio della domanda e per tutto il tempo di erogazione del beneficio:

  • essere un cittadino italiano, europeo, lungo soggiornante, residente in Italia da almeno dieci anni, di cui gli ultimi due in modo continuativo;
  • avere un valore ISEE inferiore ai 9360 euro annui (che scende a 6000 euro per i single);
  • possedere un valore immobiliare, diverso dalla prima casa, che non superi i 30000 euro;
  • il patrimonio mobiliare deve essere inferiore ai 6000 euro per i single;
  • nessun componente del nucleo familiare deve avere presentato le dimissioni volontarie nei 12 mesi precedenti (sono ammesse le dimissioni per giusta causa).

A quanto ammonta il beneficio

Il beneficio economico varia a seconda del numero delle persone facenti parte del nucleo familiare e si compone di due elementi:

  • una parte che va a integrare il reddito familiare fino ad una soglia di 6000 euro moltiplicati per la scala di equivalenza;
  • l'altra parte destinata a chi vive in affitto fino ad un massimo di 3360 euro.

Pertanto, è bene sottolineare che l'importo mensile massimo di euro 780 viene erogato per 500 euro ad integrazione del reddito e per le restanti 280 euro per l'affitto (in caso di proprietario di casa il reddito di cittadinanza sarà pari a 500 euro mensili).

L'erogazione decorre dal mese successivo alla richiesta e per un periodo continuativo di massimo 18 mesi che possono essere prorogati per altri 18 mesi dopo un mese di stop.

Come fare domanda e come usare il reddito di cittadinanza

La domanda potrà essere inoltrata a partire dal 6 marzo:

  • sul sito governativo destinato al reddito di cittadinanza;
  • presso un patronato o Caf;
  • presso un ufficio postale.

Dopo l'invio sarà l'Inps ad accertare la presenza dei requisiti richiesti e l'ammissibilità della domanda: il beneficio economico sarà erogato su un'apposita Carta chiamata Carta di Cittadinanza, emessa da Poste Italiane, che servirà per gli acquisti di beni e servizi di base, oltre a concedere un prelievo giornaliero di una somma massima pari a 100 euro.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Offerte Di Lavoro

Il beneficio dovrà essere utilizzato entro un mese dalla sua erogazione, pena la decurtazione di tale somma dalla Carta.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto