Il concorso Ata 24 mesi 2019-2020 sta per arrivare. Con la nota 8991 del 6 marzo il ministero dell’Istruzione Università e Ricerca (Miur) che verrà inviata a tutti gli Uffici scolastici regionali, dà il via libera al concorso per il personale Ata e per le graduatorie permanenti. Dopo un vertice tra ministero e sindacati svoltosi il 5 marzo, il Miur ha emanato la nota con la quale si invita ogni Ufficio territoriale a indire i concorsi per il personale Ata per il profilo professionale A e B. Una volta pubblicate le graduatorie provincia per provincia, le stesse serviranno per le supplenze dell’anno scolastico 2019/2020.

Pubblicità

La nota del ministero

Con la comunicazione ufficiale il Miur in pratica fissa i termini per la produzione delle istanze da parte dei candidati. In linea generale nulla varierà rispetto a quanto successo l’anno scorso quando però il Miur uscì con la nota il 27 febbraio. Unica novità è rappresentata dall’attribuzione dei codici meccanografici per la provincia di Monza Brianza che consentirà a chi volesse, di candidarsi per questa provincia in alternativa a quella di Milano. Occorre ricordare in assenza di questa scelta, i candidati verranno inseriti eventualmente nella graduatoria territoriale di Milano.

I passaggi successivi

Dal ministero hanno fatto sapere che questa nota sarà seguita da un'altra con la quale verranno fissate anche le date relative alla scelta delle varie sedi previste dal solito allegato G che, come lo scorso anno, andrà fatta sulla piattaforma del Miur, cioè istanze online di Polis. I profili professionali a cui candidarsi che saranno oggetto dei bandi saranno quelli di assistente tecnico, assistente amministrativo, cuoco, guardarobiere, infermiere, collaboratore scolastico e addetto alle aziende agrarie.

Pubblicità

Secondo le indiscrezioni che hanno accompagnato la nota, gli uffici provinciali avranno tempo fino al 20 marzo prossimo per pubblicare i bandi. Il ministero inoltre ha già reso pubblici i documenti e la modulistica utile all’operazione. I modelli sono i soliti, cioè il B1 per la domanda di inserimento nelle graduatorie per l’anno scolastico 2019/2020, il modello B2 per la richiesta di aggiornamento sempre per le graduatorie dell’anno scolastico 2019/2020 e gli allegati F ed H rispettivamente per la rinuncia ai rapporti a tempo determinato e per l’attribuzione della priorità di scelta della sede.

Il requisito dell’anzianità di servizio resta fondamentale ed è fissato in 24 mesi, più precisamente 23 mesi e 16 giorni, anche se discontinui. Per le frazioni di periodo di lavoro superiori a 15 giornate, tale periodo sarà valutato come mese intero.