Ormai è imminente la scadenza delle istanze per l’accertamento del diritto alla pensione in regime usuranti per quei lavoratori che centrano i requisiti nel 2020. Le domande da presentare all’Inps scadono il prossimo 1° maggio e questo è un fattore molto importante da rispettare per far si che non ci siano slittamenti in quanto a decorrenza delle Pensioni. Chi deve correre a presentare domanda di accesso a questa particolare misura previdenziale prevista dal decreto legislativo n°67 del 2011?

Pubblicità
Pubblicità

Vediamo chi sono i soggetti beneficiari di questo anticipo pensionistico a 61 anni e 7 mesi di età e cosa devono fare in vista della scadenza del 1° maggio.

La platea dei beneficiari della pensione usuranti

In primo luogo alla pensione in regime usuranti accedono gli addetti a mansioni logoranti come lo sono i lavori in galleria, quelli nelle cave o nelle miniere, quelli svolti in cassoni ad aria compressa o in spazi angusti e ristretti, quelli svolti a diretto contatto con l’amianto o con esposizione alle alte temperature.

Pubblicità

Dentro anche chi svolge l’attività di palombaro e gli addetti alla linea catena, cioè quelli in attività presso aziende per le quali vigono le tariffe Inail per lavoro caratterizzato dalla ripetizione costante delle stesse mansioni. Altra categoria a cui si applica questo anticipo pensionistico è quello dei conducenti dei veicoli di trasporto pubblico di persone con almeno 9 persone di capienza. Infine, la pensione con quota 97,6 si applica anche a lavoratori che svolgono attività nelle ore notturne, quelle svolte dalle 24 alle 05 del mattino.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

I requisiti

Tutte le attività sopracitate che darebbero diritto all’accesso a questa pensione vanno svolte per 7 degli ultimi 10 anni o in alternativa, per almeno la metà della vita lavorativa del soggetto richiedente la pensione. La pensione in regime usuranti si centra con almeno 61 anni e 7 mesi di età e 35 anni di contribuzione versata. Si tratta delle due soglie minime di accesso anche se è necessario contestualmente arrivare anche a quota 97,6, sommando età e contributi e utilizzando anche le frazioni di anno.

Chi pensa di maturare il diritto a questa pensione nel 2020 deve necessariamente presentare domanda entro il prossimo 1° maggio perché in assenza di istanza, subiranno lo slittamento della decorrenza della prestazione pensionistica a seguito dell'eventuale accertamento del diritto al beneficio. La domanda di accertamento del requisito si presenta all’Inps tramite i canonici canali, cioè il telematico con il fai da te, utilizzando il call center Inps o rivolgendosi a intermediari autorizzati quali sono i Caf o i Patronati.

Pubblicità

La domanda deve essere corredata da quei documenti che attestino lo svolgimento di queste mansioni usuranti, cioè libretto di lavoro, buste paga o ordine di servizio.

I notturni

La quota da centrare prevede, come già detto in precedenza, l’utilizzo delle frazioni di anno. Fermo restando il dover raggiungere quanto meno i 61 anni e 7 mesi di età ed i 35 di contributi, la quota può essere centrata per esempio, da chi ha 62 anni e 2 mesi di età e 35 anni e 4 mesi di contributi, ma le combinazioni sono molteplici.

Pubblicità

Dal 2017 i legislatori hanno eliminato il vincolo delle finestre mobili di 12 mesi per i dipendenti e 18 mesi per gli autonomi, con la pensione che quindi, decorre dal primo giorno del mese successivo a quello in cui si matura il diritto al trattamento pensionistico. La quota per il lavoro notturno è differente in base alle ore di lavoro notturno che vengono svolte durante l’anno solare lavorativo. Per chi ha svolto almeno 78 giornate l’anno di lavoro notturno o lavora per tutto l’anno per almeno 3 ore a giornata di lavoro tra le 24 e le 05 del mattino, la quota da raggiungere è quella canonica di 97,6. Per chi invece svolge tra 72 e 77 giornate di lavoro notturne la quota è 98,6. Allo scendere delle giornate in cui si svolge lavoro notturno, sale la quota da centrare. Infatti, per chi ha tra le 64 e le 71 giornate lavorative di questo tipo, la quota è pari a 99,6. Occorre ricordare che se il richiedente è lavoratore autonomo, tutte le quote da raggiungere salgono di un punto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto