Il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato la circolare ufficiale contenente tutte le indicazioni inerenti alle supplenze per l’anno scolastico 2019/2020. Innanzitutto si sottolinea che le supplenze al 31/08 e al 30/06 sono da attribuire, seguendo il DM 131/07, in primis scorrendo le graduatorie ad esaurimento (Gae) per ogni classe di concorso. Laddove queste fossero esaurite, le segreterie degli istituti scolastici dovranno scorrere prima le graduatorie di istituto e poi attraverso le domande di messa a disposizione (Mad). Dalla circolare in questione si evince che è stato abolito il divieto di supplenze su posto vacante a chi ha accumulato già 36 mesi di servizio.

Infatti è stato abolito il comma 131 della legge 107/2015 che regolava tale divieto valido sia per il personale docente ed educativo che per il personale Ata. Molti docenti, in questi giorni, si domandano se anche quest’anno le supplenze cominceranno con contratto a tempo determinato contenente la clausola risolutiva prevista dal CCNL 2016/18, come accaduto lo scorso anno scolastico. La circolare puntualizza su questo quesito, infatti, viene precisato che i contratti devono contenere in ogni caso tale clausola risolutiva laddove subentrasse un nuovo avente titolo, dopo l’approvazione di nuove graduatorie.

Le cattedre di sostegno saranno attribuite dando priorità agli specializzati

Si ricorda che quest’anno il Ministero dell’Istruzione ha deciso di individuare alcune province in cui sperimentare un nuovo sistema di convocazioni.

Il nuovo sistema prevede il conferimento delle supplenze non più attraverso l’invio di singole email da parte delle segreterie scolastiche. L’Ufficio Scolastico Territoriale, infatti, pubblicherà delle date precise in cui saranno convocati i docenti per ogni classe di concorso. Una volta che i docenti saranno chiamati a presenziare all’incontro con i dirigenti scolastici, sceglieranno la supplenza che preferiscono tra le varie rimaste a disposizione.

Lo stesso sistema avverrà anche per il sostegno: il sistema informatizzato stilerà delle graduatorie incrociate che permetteranno di attribuire le cattedre di sostegno attraverso una graduatoria basata sui punteggi dei docenti. È utile infine sottolineare che per quanto riguarda le cattedre di sostegno, hanno la priorità di attribuzione supplenza, gli specializzati che sono inseriti nelle graduatorie ad esaurimento del sostegno.

Qualora anche queste dovessero essere esaurite le segreterie scolastiche scorreranno le graduatorie di istituto e valuteranno le domande di messa a disposizione, dando sempre priorità ai docenti specializzati.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!