Ieri, 8 ottobre 2019, è stato trasmesso ai vertici degli Uffici legislativi il testo inerente il decreto Scuola per il passaggio al Consiglio dei Ministri. I posti che saranno banditi nel concorso straordinario in questione sono 24mila, i quali saranno suddivisi tra le cattedre di sostegno e quelle su posto comune. La procedura sarà avviata per le classi di concorso, per le tipologie di posti e in quelle regioni dove si prevede che ci saranno posti vacanti e disponibili per gli anni scolastici dal 2020/2021 al 2022/2023.

Dopo il concorso si formerà una graduatoria di merito che sarà ad esaurimento e potrà essere usata anche dopo l'anno scolastico 2022/2023, stando alle leggi vigenti in merito di assunzioni a tempo indeterminato. Ma quali sono i requisiti per accedere al concorso straordinario? Si comincia col dire che non potranno accedere alla procedura gli insegnanti che hanno accumulato il servizio nella scuola paritaria o che stanno svolgendo adesso il terzo anno di servizio.

Infatti, oltre a possedere il titolo di studio previsto per l'insegnamento, i docenti dovranno necessariamente aver svolto tre anni di servizio compresi tra gli anni scolastici 2011/2012 e 2018/2019 nella scuola statale. Di questi tre anni, almeno uno deve essere specifico sulla classe di concorso richiesta, sia per il posto comune che per il sostegno.

Il programma è quello previsto per il concorso a cattedra del 2016 nella scuola secondaria

Per quanto concerne proprio gli insegnanti di sostegno, è necessario possedere la relativa specializzazione per l'accesso alla procedura.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola Concorsi Pubblici

Il servizio, invece, è considerato valido sia su posto comune che di sostegno. I candidati potranno partecipare per una sola tipologia di posto (comune o sostegno) e in una sola regione. Il concorso prevede due prove, una scritta e l'altra orale. Quella scritta sarà computer based con domande a risposta multipla e da superare con punteggio 7 su 10. Per sapere gli argomenti da studiare basta consultare il programma di esame che era stato previsto per il concorso a cattedra del 2016 per la scuola secondaria.

Anche la prova orale sarà selettiva, a dispetto di quanto aveva invece stabilito il vecchio governo, anche questa da superarsi con punteggio 7 su 10. Coloro che supereranno le prove, saranno immessi in ruolo dopo un anno di prova che prevede anche il conseguimento dei 24 Cfu nelle discipline antro-psico-pedagogiche con oneri a carico dello Stato e dell'abilitazione. Gli idonei che non rientreranno nelle 24mila cattedre a disposizione potranno comunque conseguire l’abilitazione se hanno una supplenza al 31 agosto o al 30 giugno nelle scuole statali, se superano anche la prova orale oltre quella scritta e se conseguono i 24 Cfu.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto