Il Ministero dei Beni Culturali ha in programma di effettuare 500 assunzioni in tutta Italia: le figure selezionate andranno a ricoprire la qualifica di operatori alla custodia, vigilanza e accoglienza.

I candidati selezionati verranno assunti con contratto a tempo indeterminato e inseriti nell'area funzionale II, fascia economica f1.

Per partecipare al concorso Mibact per operatori di vigilanza, è necessario che i partecipanti siano disoccupati ed iscritti presso centri per l'impiego, i quali si occuperanno di procedere alla scrematura delle richieste e a svolgere le selezioni, attraverso le modalità che saranno rese note mediante bandi pubblicati a livello regionale o provinciale.

I bandi regionali attualmente ancora attivi

Le selezioni verranno effettuate tramite i centri per l'impiego: i soggetti interessati a candidarsi, infatti, dovranno far riferimento a quanto stabilito nel bando della regione o provincia di appartenenza.

I bandi relativi ad alcune regioni sono già scaduti, di altri si attende ancora la pubblicazione, mentre altri ancora sono attualmente attivi: in quest'ultima categoria rientrano i bando di Calabria, Emilia Romagna, Marche e Veneto.

Per quanto riguarda le dichiarazioni di adesione al procedimento, vi sono varie scadenze, che variano a seconda della regione di appartenenza:

  • Calabria, 12 ottobre;
  • Emilia Romagna, 6 novembre;
  • Marche, 25 settembre;
  • Veneto, 25 settembre.

Requisiti per partecipare alla procedura

Per poter prendere parte alla procedura di selezione, è necessario che gli aspiranti operatori di custodia, siano in possesso di determinate caratteristiche, come:

  • cittadinanza italiana o in un Paese membro dell'Unione Europea;
  • età minima di 18 anni;
  • idoneità fisica allo svolgimento delle mansioni;
  • possesso del diploma di scuola superiore;
  • non aver condanne penali a proprio carico;
  • non essere stati destituiti o dispensati da un impiego presso la Pubblica Amministrazione;
  • godere di diritti civili e politici;
  • avere una posizione regolare nei confronti degli obblighi di leva;
  • non essere stati esclusi dall'elettorato politico attivo.

Modalità di selezione e formulazione della graduatoria finale

Una volta scaduti i termini per l'adesione alla procedura, i centri per l'impiego dovranno passare alla fase istruttoria, relativa all'accertamento dei dati presentati dai candidati.

Tenendo conto delle domande presentare, poi, essi redigeranno una graduatoria, sulla base della quale procederanno a chiamare i candidati per il colloquio di idoneità, funzionale all'accertamento delle conoscenze in merito alle mansioni da svolgere.

Segui la pagina Concorsi Pubblici
Segui
Segui la pagina Calabria
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!