Nuovo concorso all'Agenzia delle Dogane. La selezione è aperta a diplomati e laureati. Nel dettaglio, 766 posti sono riservati all'assunzione di laureati e 460 posti sono riservati a diplomati. La scadenza del bando, dapprima prevista il 5 novembre, a causa delle restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19 è stata prorogata al 6 dicembre.

Concorso pubblico per 766 funzionari e 460 assistenti doganali

Per quanto riguarda il bando per 766 funzionari laureati, da inquadrare nella terza area, fascia retributiva F1, i profili richiesti sono i seguenti:

  • 100 funzionari amministrativi e contabili:
  • 50 funzionari giuridici;
  • 70 funzionari esperti nel settore delle relazioni internazionali;
  • 80 funzionari economici finanziari;
  • 70 funzionari esperti in analisi statistiche;
  • 86 funzionari esperti nel settore informatico;
  • 147 ingegneri;
  • 13 architetti;
  • 150 esperti chimici.

Occorre essere in possesso di una laurea triennale o magistrale a seconda delle aree per le quali si intende concorrere.

Quanto al bando di concorso per 460 diplomati nel profilo di assistente doganale, da inquadrare nella seconda area, fascia retributiva F3, i posti disponibili sono:

  • 250 nel settore amministrativo/tributario;
  • 30 nel settore contabile;
  • 20 servizi di traduzione e interpretariato;
  • 40 posti per i servizi di collaudo e accertamento tecnico;
  • 30 posti per il supporto tecnico;
  • 50 posti per il supporto tecnico alle attività di accertamento in ambito accise;
  • 20 posti per le attività informatiche;
  • 15 posti per meccanico;
  • 5 addetti ai servizi di mensa

Necessario il diploma di scuola secondaria di secondo grado. I requisiti di accesso devono essere posseduti entro l’ultima data utile per l’invio della domanda.La selezione è aperta a entrambi i sessi.

Compilazione della domanda e quali le prove concorsuali

Le domande dovranno essere presentate esclusivamente secondo modalità telematiche, tramite il portale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Per l'inoltro della domanda bisogna munirsi di Carta nazionale dei servizi (CNS) o Sistema pubblico di identità digitale (Spid).

Il candidato dovrà inoltre versare € 10,33 per le spese di segreteria e amministrative.

Quanto alle prove concorsuali, saranno previste due prove scritte e una prova orale oltre a un’eventuale prova preselettiva. La prova preselettiva, sia per i laureati che per i diplomati, verterà sulle seguenti materie: lingua inglese,elementi di diritto penale, capacità logico-deduttiva e di ragionamento logico matematico, funzioni della polizia giudiziaria, e conoscenze informatiche.

Segui la pagina Concorsi Pubblici
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!