Due settimane alla scadenza del bando della Regione Lazio per i ristori a favore delle imprese, autonomi, partite Iva e operatori del turismo rientranti in 283 codici Ateco per il rimborso della rata Irap dovuta originariamente al 30 novembre 2020 fino a un massimo del contributo pari a 25.000 euro. Con il bando, denominato "Ristoro Lazio Irap", e in attuazione della Deliberazione della Giunta regionale numero 1000 del 15 dicembre scorso, la Regione Lazio intende sostenere le attività economiche colpite dall'emergenza Covid-19: l'indennità, a fondo perduto, è accessibile con domanda snella: l'obiettivo, da parte della Regione, è quello di assicurare liquidità in tempi brevi alle micro, piccole e medie imprese, ai professionisti titolari di partita Iva e a tutti i soggetti economici penalizzati dalle restrizioni sanitarie.

Ristori autonomi, liberi professionisti, partite Iva, commercio e turismo: il bando a rimborso Irap

Particolarmente numerose sono le categorie destinatarie del bando della Regione Lazio per i ristori a sostegno delle attività economiche. Dai codici Ateco riportati nell'appendice numero 2 del bando, rientrano infatti imprese, autonomi e possessori di partita Iva soggetti passivi dell'Imposta regionale sulle attività produttive (Irap) appartenenti al commercio all'ingrosso e al dettaglio di più svariati prodotti, agenti, rappresentanti e mediatori, procacciatori d'affari, ma anche imprese appartenenti al turismo come quelle di trasporto di passeggeri in aeree urbane e suburbane, attività alberghiere, di villaggi turistici, ostelli, rifugi, affittacamere, fino alle attività di ristorazione, gelaterie, pasticcerie e bar.

Inoltre, il contributo è previsto a favore di autonomi che svolgono la propria attività nella cura della persona, come servizi di istituti di bellezza, barbieri, parrucchieri, manicure, piercing, attività matrimoniali e di organizzazione di feste e cerimonie e servizi di cura degli animali a esclusione dei servizi veterinari.

Come presentare domanda ristori bando Regione Lazio: documenti necessari

Per la presentazione della domanda in scadenza l'8 febbraio 2021 dei ristori della Regione Lazio è necessario collegarsi al sito regione .lazio.it/ristorilazioirap, controllare nel bando se il proprio codice Ateco rientra tra le 283 categorie ammesse al rimborso e autocertificare l'Irap dovuta, il settore di attività e il codice Iban necessario per l'accredito del sussidio.

Tra i documenti necessari alla domanda, disponibili in appendice al bando, è necessario sottoscrivere la Dichiarazione Mpmi (micro, piccole, medie imprese) o di libero professionista, il modulo relativo alle dimensioni dell'impresa, il modello di conflitto di interessi e antipantouflage e l'autodichiarazione attestante l'assenza di condanne.

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Affari E Finanza
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!