Continua a crescere l'entusiasmo a Lecce. Già la consapevolezza della costruzione di una squadra all'altezza era forte nei tifosi, ma gli ultimi risultati hanno aumentato anche l'entusiasmo e questo ha portato la società a riaprire la Campagna Abbonamenti che già aveva sorpreso tutti, arrivando a  quota  8.637 abbonati totali. Sarà possibile sottoscrivere gli abbonamenti, ai prezzi della seconda fase, fino all'antivigilia del match infrasettimanale contro il Catanzaro, previsto per mercoledì 14 settembre. Dunque, i numeri fatti registrare del Lecce sono assolutamente di livello.

Il Lecce come la serie A

Inserendo il Lecce nella lista degli abbonamenti di Serie A, si nota come la tifoseria leccese abbia battuto altre piazze di serie A nella corsa agli abbonamenti.

Il Lecce, si piazzerebbe a metà di questa speciale classifica. In rigoroso ordine alfabetico, ci sono ben 9 società di serie A che hanno meno abbonati del Lecce, in Lega Pro: Cagliari 7.200 abbonati, Chievo Verona 7.329, Crotone 5.800, Empoli 6.500, Lazio 4.000, Napoli 5.200, Palermo 6.300, Pescara 8.300, Sassuolo 6.000. Con la riapertura degli abbonamenti, il Lecce potrebbe aumentare il suo dato. In serie A ci sono poi società che hanno fatto meglio: Atalanta10.840, Bologna13.300, Fiorentina20.010, Genoa17.200, Inter28.000, Juventus29.300, Milan12.000, Roma18.000, Sampdoria16.768, Torino11.290, Udinese10.774.

I prezzi degli abbonamenti

Il Lecce per la riapertura ha confermato i prezzi della seconda fase della Campagna Abbonamenti, anche dopo la vittoriosa partita contro l'Akragas. I nuovi abbonati pagano: 110 euro in Curva Nord, 175 in Tribuna Est, 240 in Tribuna Centrale Inferiore, 335 in Tribuna Centrale Superiore, 715 nel settore Poltronissime.

I migliori video del giorno

I rinnovi, invece, usufruiscono dello sconto: 60 euro in Curva Nord, 95 in Tribuna Est, 120 in Tribuna Centrale Inferiore, 180 in Tribuna Centrale Superiore e 570 nelle Poltronissime. C'è poi ancora la possibilità di usufruire dello sconto "amico abbonato": i nuovi abbonati hanno un costo, in base al settore, da 75 a 490 euro, i rinnovi da 35 a 225 euro.