FIAT 124 Spider Abarth e Alfa Romeo MiTo, sono certamente due tra le principali novità di questo 2016 per quanto concerne il gruppo italo americano Fiat Chrysler Automobiles, diretto dal numero uno, l'amministratore delegato Sergio Marchionne. Entrambe queste vetture sono state mostrate in anteprima assoluta al Salone dell'automobile di Ginevra, attualmente in svolgimento nella città elvetica, dove oltre 700 mila visitatori sono attesi nei 10 giorni in cui si svolgerà questa manifestazione.

Entrambe queste automobili dovrebbero contribuire ad una crescita delle immatricolazioni del più importante gruppo automobilistico italiano, che ultimamente sta vivendo un momento molto positivo, grazie ad un notevole incremento delle immatricolazioni, che sta riguardando un po' tutte le principali realtà presenti in FCA. 

La nuova Spider fa contenti i fan dello Scorpione

Per quanto riguarda Fiat 124 Spider Abarth, diciamo subito che la sua presentazione è avvenuta a sorpresa.

Si Sapeva infatti che a Ginevra vi sarebbe stato il debutto europeo della versione ordinaria, ma nessuno si sarebbe aspettato di vedere anche la variante Abarth. Questa arriverà sul mercato a partire dal prossimo mese di settembre con prezzi che partiranno da 40 mila euro. Un modello che fa contenti i numerosi fan della casa dello Scorpione e che molto presto potrebbe anche essere utilizzato in competizioni sportive. 

Ultimo restyling per la MiTo prima della sua uscita di scena

Alfa Romeo MiTo a Ginevra si è mostrata nella sua nuova veste, dopo un leggero restyling subito e che gli appassionati potranno vedere dal vivo a partire dal prossimo mese di giugno, quando la nuova vettura farà il suo esordio sul mercato.

Si è trattato di un leggero ritocco, simile a quello subito dalla Giulietta, che ha riguardato il frontale della vettura, che è stato reso più simile a quello della Giulia. Questo modello sarà l'ultimo nella storia per quanto riguarda la MiTo, un modello che in futuro non sarà rinnovato, non rientrando nei piani di sviluppo della casa di Arese. 

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto